Politica
Commenta

Porta Ombriano, “è ora di ascoltare i cittadini”

Porta Ombriano, la seconda variante

L’annuncio della terza sperimentazione della viabilità di Posta Ombriano non va giù alla minoranza consiliare. In un comunicato congiunto, i gruppi Forza Italia, Nuovo centrodestra, Lega Nord e Solo cose buone per Crema affermano: “questo cambiamento dimostra, in maniera molto chiara, che questa giunta è totalmente autoreferenziale e assolutamente non disposta ad ascoltare i propri cittadini”.

La terza ipotesi viabilistica nasce da un confronto con le associazioni di categoria, richiesto a seguito di alcune lamentele da parte dei commercianti. “Ci domandiamo – proseguono le minoranze – parlare con le associazioni e con i commercianti della zona era l’ultima cosa da fare o, forse, la prima? Quanti disagi si potevano evitare per tutti i cittadini? Quanti soldi dei cittadini sono stati assorbiti da questo progetto, evidentemente studiato in maniera approssimativa?”.

“È arrivata l’ora – proseguono – in cui il Pd cremasco metta da parte l’arroganza che lo contraddistingue da troppo tempo ed in tutte le scelte che prende. È arrivata l’ora in cui è necessario, anzi doveroso, ascoltare i cittadini. Ormai è chiaro a tutti che a questa giunta sta mancando la terra sotto ai piedi e questi continui cambiamenti nella viabilità sono il sintomo di una confusione di idee e di progetti che tutti i cittadini stanno pagando”.

Ma la battaglia politica non è che cominciata. L’auspicio dell’amministrazione è che quest’ultimo progetto viabilistico possa trasformarsi nell’assetto definitivo di Porta Ombriano. “Come opposizioni – concludono –  continueremo a seguire molto da vicino l’evolversi della vicenda, continuando a dialogare e collaborare con quelle associazioni, quei commercianti e quei cittadini che non ne possono più di pagare l’inadeguatezza di questa amministrazione”.

© Riproduzione riservata
Commenti