Cronaca
Commenta

La vicinanza del vescovo Daniele
alla famiglia di  Federico

Il Vescovo Daniele, dal Guatemala, ha inviato una lettera ai famigliari di Federico e a tutta la comunità parrocchiale di Ombriano per esprimere la vicinanza in questo momento di dolore.
E' stata letta da don Mario Botti, all'inizio della celebrazione liturgica, nella quale è stato dato l'ultimo saluto a Federico.

Carissimi don Mario e don Stefano,

vi chiedo di trasmettere alla mamma e al papà di Federico Denti, al fratello, ai famigliari tutti, agli animatori e ai ragazzi del Grest che erano con lui a Palinuro, agli amici e amiche e a tutta la comunità parrocchiale di Ombriano la mia vicinanza e comunione di preghiera, in quest’ora così dolorosa.

Scrivo queste righe da una terra, il Guatemala, dove i cristiani hanno imparato attraverso molta sofferenza l’efficacia della Pasqua di Gesù: è un’efficacia che si capisce soltanto nella fede, come solo nella fede possiamo riconoscere il senso e persino la pienezza di una vita, come quella di Federico, che a noi sembra (giustamente) troppo breve, troppo dolorosamente spezzata prima del tempo.

Sì, noi crediamo che anche in Federico si compie il mistero della Pasqua del Signore, passaggio da questo mondo al Padre, che manifesta la verità e l’eternità dell’amore: e questo ci assicura, secondo la parola del Signore, che nulla va perduto, di ciò che siamo capaci di seminare in gioia e fraternità, in attenzione e cura gli uni per gli altri, come anche Federico – a quanto ho potuto leggere di lui – ha saputo fare, nella sua giovane vita.

Nella fede nel Signore Gesù, morto e risorto, siamo sicuri che Federico è ora nelle mani di Dio. Al Padre di misericordia chiedo consolazione e conforto per tutti voi, che vivete la grande sofferenza di questi giorni; e prego perché questa sofferenza generi frutti abbondanti di speranza, di amore fraterno, di carità lieta e generosa: come, ritengo, vorrebbe anche Federico.

Tutti benedico di cuore, in comunione di fede e preghiera.

Città del Guatemala   1 agosto 2021

+Daniele Gianotti

 

© Riproduzione riservata
Commenti