Commenta

Bilancio, Bonaldi e Fontana:
'La strategia l'abbiamo eccome'
Passa 1 emendamento su 17

Seconda seduta fiume per la votazione del Bilancio comunale. Il Consiglio si è riunito ieri pomeriggio alle 15.30 per ascoltare le repliche della Giunta Bonaldi e votare gli emendamenti proposti dalle Minoranze durante la discussione dello scorso giovedì.

“E’ infondata l’accusa di mancanza di strategia; abbiamo ben chiara l’idea di città che vogliamo, tanto che la previsione per gli investimenti è 11 milioni di euro. Gli interventi in programma parlano da soli: sicurezza e patrimonio pubblico, edilizia scolastica e sportiva, opere, sociale e cultura. Le risorse di investimento vanno tutte in questa direzione”. Così l’assessore al Bilancio Cinzia Fontana ha replicato all’Opposizione, ammettendo che “la città ha questioni aperte, che però sono risolvibili solo in un’ottica territoriale, ma soprattutto lavorando per gradi. Quando parliamo di interlocuzioni (parola che la volta scorsa è stata purtroppo bistrattata), parliamo di coltivazione di rapporti per procedere con rispetto di altri livelli istituzionali che abbiamo il dovere di coinvolgere”. La Fontana si è riferita in particolare alle questioni Pierina, Stalloni e scuola di Cl.

Riguardo la proposta di Forza Italia relativa all’accensione di nuovi mutui, l’assessore al Bilancio ha spiegato che “questi 10 anni ci consegnano una metamorfosi strutturale della macchina comunale. La spesa corrente e quella per il personale si sono ridotte, così come le risorse acquisite e utilizzate per parte corrente”. Accanto a questo si è dovuta gestire la crisi economica che ha piegato le famiglie e che ha portato a una diminuzione della spesa corrente a fronte di un aumento di quella sociale. “In più in un monte risorse ridotto, i Comuni hanno dovuto accantonare in Fondo Crediti di dubbia esigibilità. Vero che dal 2016 c’è stata la possibilità di usare le risorse per parte investimenti, ma in parte corrente siamo ancora sofferenti, e in questa situazione l’amministrazione ha riflettuto e scelto come obiettivo primario di lavorare per cercare l’equilibrio strutturale in parte corrente”.

Alle parole dell’assessore Fontana sono seguite quelle del sindaco Bonaldi: “Esiste eccome una strategia, e si nota sia a livello della gestione del personale che delle opere più importanti. C’è stato un ‘effetto tappo’ delle leggi nazionali che ha bloccato la crescita del Comune, e quindi anche delle seconde file. Ma in questo ultimo periodo c’è stata un’accelerazione” e ha portato l’esempio della co-progettazione, delle grandi opere come il sottopasso e Crema2020, edilizia scolastica e università. “Più che mancanza di strategia da parte nostra, mi sembra mancanza di argomenti da parte dell’Opposizione”, ha concluso il sindaco.

Al termine delle repliche sono stati votati gli emendamenti: solo quello sul regolamento del verde – proposto dal M5s – ha incontrato il favore della Maggioranza. Gli altri 16 sono stati bocciati.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti