Cronaca
Commenta

Danno ambientale: l'Amministrazione valuta un esposto congiunto

A due giorni dal danno ambientale scaturito dallo sversamento di liquami nella roggia Rino a Caravaggio, l’Amministrazione di Crema è fortemente orientata a un esposto congiunto. La conferma viene dal sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, che rispondendo a una richiesta in tal senso della sezione locale di LeU, assicura che insieme ai comuni toccati dal reato ambientale, Caravaggio in primis, e tramite la condivisione della documentazione raccolta dalla polizia locale della cittadina bergamasca, che si coordina anche con il comando di polizia locale di Crema, si procederà a una denuncia presso la Procura della Repubblica. L’ipotesi più realistica – ancora però da valutare fra tutti gli enti coinvolti – è quella del danno ambientale ai sensi dell’articolo 452–bis del codice penale. Ancorché sia a un reato per cui si procede d’ufficio, in caso si individuino i responsabili, al momento ignoti, l’esposto consentirebbe di costituirsi parte civile nel processo.

© Riproduzione riservata
Commenti