Ultim'ora
Commenta

Contro l’abbandono dei
rifiuti, EcoAzioni extra

Bruno Paggi, Matteo Piloni, Davide Severgnini, Primo Podestà

Nel contrasto all’abbandono di rifiuti Crema non lascia ma raddoppia, anzi moltiplica. “Poco tempo fa – ha spiegato ieri in conferenza stampa l’assessore Matteo Piloni – Linea Gestioni ha comunicato la sospensione di Rifiutando. Noi abbiamo colto l’occasione per rilanciare: con una nuova iniziativa non ci riduciamo a mezza giornata di manifestazione ma la estendiamo a un paio di mesi, trasformando una serie di giornate in tanti Rifiutando”. A maggio e a ottobre si svolgerà EcoAzioni extra.

Il concetto non cambia: si parla di una giornata di raccolta dei rifiuti abbandonati, ma declinata nei vari quartieri della città di Crema. È la concretizzazione delle intenzioni di amministrazione e Fiab. Alla chiamata per ora hanno risposto 29 associazioni e 11 scuole, “una bellissima risposta – ha sottolineato Piloni – non solo in termini di quantità di adesioni, ma perché significa che in molti hanno sposato la filosofia che sta dietro alle EcoAzioni”.

Nate circa un anno e mezzo fa dalla collaborazione di Fiab e Legambiente, in collaborazione con il Comune di Crema, le EcoAzioni “all’inizio si concentravano sui territori del piazzale della stazione e del fiume Serio – ha ricordato Davide Severgnini, referente Fiab – con l’obiettivo di ripulire aree degradate. Ciò di cui ci siamo resi conto è l’importanza di presidiare territorio. EcoAzioni extra ha poi un altro punto di forza: spalmare le uscite fa sì che si continui a parlare del problema dell’abbandono dei rifiuti”.

L’iniziativa sarà realizzata in collaborazione con Linea Gestioni, che insieme al Comune fornirà il materiale per la partecipazione – mentre alle associazioni verrà riconosciuto un contributo di 200 euro. Si parte domenica 8 maggio con la passeggiata lungo il Serio, e si concluderà il 6 giugno alla scuola primaria di San Bernardino. Nel calendario delle EcoAzioni sono presenti, tra gli altri, il quartiere di Ombriano (15 maggio), piazzale Rimembranze e via IV Novembre (25 maggio) e il quartiere di Santo Stefano (28 maggio).

La proposta è stata accolta con favore anche da Linea Gestioni. Il presidente Bruno Paggi ha commentato così: “L’operazione Rifiutando ha un programma ampio che parte dalle classi delle scuole e arrivano ad altri interventi sul territorio. Rispetto a quella mezza giornata, EcoAzioni extra estende l’impegno a due mesi. Rimango convinto che pulire sia una cosa, ma educare sia molto più importante. Crema in questo caso ha guardato molto più avanti di altri Comuni che non hanno gradito la sospensione di Rifiutando”.

Che la manifestazione cremasca tragga dall’esperienza maturata assieme a Linea Gestioni è indubbio: “Rifiutando è durato più di 13 anni – ha aggiunto Primo Podestà, direttore dell’azienda – e ha avuto il merito di presidiare il territorio. Non ci siamo mai accontentati dei risultati raggiunti, ma oggi bisogna fare il salto di qualità. Bisogna andare nella direzione di una maggiore qualità: più si ricicla, più aumentano i ricavi; minore è la quantità di secco, minori saranno anche i costi. In questo l’amministrazione di Crema si è dimostrata lungimirante”.

Stefano Zaninelli

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti