Commenta

EcoAzioni, arriva
la convenzione e lo
sbarco nei quartieri

Nella foto, Davide Severgnini, Matteo Piloni, Claudio Paesetti.

Carnevale, san Valentino ma anche EcoAzioni: domenica 14 febbraio torna l’iniziativa di sensibilizzazione all’ambiente realizzata da Comune di Crema, Fiab Cremasco e Legambiente. “Proseguiamo il lavoro iniziato lo scorso anno istituzionalizzando l’impegno – ha commentato l’assessore Matteo Piloni stamane in conferenza –: con la firma della convenzione poniamo l’accento sull’iniziativa affinché riesca a catalizzare un numero sempre maggiore di partecipanti”. Ma questa non è che la prima delle novità.

QUARTIERI – Oltre all’istituzionalizzazione, l’iniziativa compie un altro passo avanti. Se, da una parte, la convenzione favorisce maggiore continuità, dall’altra EcoAzioni si prepara ad estendersi. “Da fine 2015 – ha aggiunto Piloni – alcune associazioni si sono dette disponibili a prendersi cura di alcune aree della città. Queste zone verranno segnate in verde sulla cartina della città che abbiamo predisposto. Stiamo portando le EcoAzioni nei quartieri: chiunque vorrà potrà dare la propria disponibilità a Fiab e diventare referente della pulizia di un pezzettino di Crema”.

Il momento della firma della convenzione

CONTINUITÀ – Arrivare a questo punto non è stato così scontato. Come ha raccontato Davide Severgnini, referente Fiab Cremasco, “siamo stupiti di essere riusciti a dare continuità all’iniziativa: da settembre 2014, la prima uscita, ad oggi, le EcoAzioni non hanno mai saltato un solo appuntamento, sebbene con flussi discontinui di persone. Questa continuità per noi è molto importante, perché ci consente di far sapere a tutti che non ci sono limiti alla partecipazione: chiunque può farne parte e dare il proprio contributo”.

CHIARIMENTI – “Teniamo infine a precisare alcune cose: anzitutto noi non intendiamo sostituirci alla nettezza urbana – ha aggiunto Severgnini – bensì collaborare e supportare. Siamo in contatto con l’agente ambientale, ed essendo EcoAzioni un’iniziativa flessibile, possiamo spostarci dove c’è bisogno. Siamo partiti dal piazzale della stazione e siamo arrivati alle scuole Galmozzi, coinvolgendo anche gli alunni. Quest’anno ci porteremo anche sulle sponde del Vacchelli con la collaborazione del Comitato di quartiere di Santo Stefano”. Il prossimo appuntamento – aperto a tutti – è fissato domenica alle ore 9.30 presso il piazzale della stazione.

Stefano Zaninelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti