Cronaca
Commenta

EasyOne, il rapper che da Crema
porta la sua musica in giro per l'Italia

Il suo home studio a Crema viene messo a disposizione gratuitamente per ragazzi giovani per registrare e imparare al meglio la professione musicale

Bruno Timpano è più conosciuto a Crema (ma non solo) come EasyOne: la sua musica rap sta facendo il giro d’Italia (da Milano e Torino a Taranto, da Trento a Ferrara) con concerti che attirano centinaia di persone e che lo vedono come uno dei talenti del momento. Di origine calabrese ma residente a Crema da anni, classe 83′ , dopo l’esperienza televisiva su MTV e la realizzazione di 4 dischi ufficiali con i Kalafro, nel 2016 l’artista ha intrapreso il suo percorso solista. Da Crema porta in giro il suo nuovo lavoro, “Solo”, 9 tracce che spaziano dal rap crudo al roots e il reggae in uno stile denominato dall’artista stesso “Roots Hop”.

“Solo”, non è una semplice citazione legata all’immaginario della saga Star Wars (Han Solo il protagonista del capolavoro di George Lucas) ma una metafora che racconta il suo stato attuale come uomo e come artista: “Questo non è un disco ma un diario di un ragazzo che in poco tempo è diventato uomo e papà e che oggi affronta temi attuali con una maturità diversa e soprattutto con gli occhi di chi ha più responsabilità e difficoltà rispetto al passato. Diciamo che questo è un disco più di Bruno che di EasyOne e questo mi rende orgoglioso” dice  “senza fare spoiler, Han solo nella saga più precisamente in uno spin-off uccide un suo pseudo maestro di vita che poi si rivela un traditore, ecco dopo tanto tempo mi sono accorto che è sempre meglio sbagliare da soli. Perché deresponsabilizzarsi e far prendere le scelte agli altri non ti fa crescere e soprattutto non ti aiuta a capire cosa è giusto e cos’è sbagliato. Meglio perdere da soli anziché dividere il fallimento per renderlo meno doloroso, per la vittoria succede la stessa cosa, quando vinci godi ancora di più”.

EasyOne ha un grande rapporto con i più giovani: “La musica mi da la possibilità di passare del tempo con i giovani, facendoli anche registrare gratuitamente nel mio home studio. Nei live incontro persone giovani con cui condividere emozioni ed esperienze, e soprattutto imparo, perché si impara a tutte le età”.

L’artista è impegnato anche nel progetto Play2Give, la nazionale che unisce le personalità legate al mondo della comunicazione e che disputa partite di calcio raccogliendo fondi per attività benefiche.

fbandirali-sguarnaccia

 

© Riproduzione riservata
Commenti