Lettere
Commenta

Edilizia a ridosso del Tormo:
distruzione di prati stabili

da Andrea Ladina - consigliere nazionale dei Verdi

Caro Sindaco Bonaventi,
indirizziamo a te quale Presidente del Parco del Tormo questa lettera aperta per chiederti un ripensamento rispetto all’approvazione del progetto edilizio adottato dal Comune di Palazzo Pignano.
Abbiamo avuto modo di affrontare con te il problema con una delegazione composta da Verdi e Legambiente ed abbiamo apprezzato la tua disponibilità al dialogo.
Per questo siamo rimasti stupiti dall’appoggio che tu hai dato al progetto di Palazzo Pignano di realizzare a pochi metri dal fiume Tormo un insediamento commerciale (supermercato) e di servizi (una Casa di riposo ) sacrificando un’area di circa 30.000 metri quadri di prati stabili.
Caro Bonaventi il progetto edilizio in corso non è affatto una “rigenerazione urbana” come viene ufficialmente presentato perché non si tratta affatto di un’area industriale dismessa da recuperare.
Quello che verrà fatto è tutt’altra cosa: un’area agricola vergine verrà distrutta nonostante che da più parti si continui a parlare di stop al consumo di suolo!
Tu hai dichiarato alla stampa che grazie a questo progetto si faranno  le fognature alle Cascine Gandini, ma le fognature si dovevano fare da tempo, indipendentemente da subordinarle a nuove cementificazioni. Se ci sono delle abitazioni si devono fare subito le fognature, è la cosa più importante dal punto di vista ambientale!
Proseguendo di questo passo infatti cosa rimane dell’obiettivo conclamato a parole di “stop al consumo di suolo”?
Poco o niente dal momento che ogni anno con una scusa o l’altra il territorio cremasco continua ad esser manomesso e distrutto  nella sua componente verde e agricola compromettendo anche gli habitat naturali.
Non comprendiamo come si possa approvare da parte del Parco del Tormo un intervento che va di fatto a cementificare pesantemente l’habitat a ridosso del fiume.
Per questo ti chiediamo come Presidente del Parco un ripensamento adoperandoti per impedire questa nuova cementificazione lungo l’asta del fiume Tormo.
Saluti ecologisti.
Andrea Ladina    consigliere nazionale dei Verdi

© Riproduzione riservata
Commenti