Ultim'ora
Commenta

Pergolettese all'esame
Juventus Under 23 per
provare a tornare a galla

La Pergolettese torna in pari con le gare da recuperare, nella speranza di tornare anche a galla in classifica: il ko di domenica della Giana Erminio in casa con la Carrarese, infatti, mantiene la zona salvezza diretta a un solo punto e la sfida di domani, mercoledì 2 dicembre, alle 15.00 al Voltini è l’ancora di salvezza alla quale i gialloblu potrebbero appigliarsi.

Certo l’avversario è scomodo e non soltanto di nome: la squadra di De Paola, dopo tre sconfitte di fila contro la crème dell’alta classifica, affronta infatti tra le mura amiche la Juventus Under 23, da molti considerata come la grande favorita alla vigilia del girone A, ma che sin qui non ha ancora trovato la necessaria continuità, pur stazionando al nono posto, e dunque dentro la zona playoff allargata, a 9 punti dal Renate capolista ma con la possibilità, vincendo appunto a Crema, di salire a -6.

Squadra capace di tutto, quella bianconera è una formazione molto tecnica, di qualità, che però come del resto prevede proprio la sua stessa struttura paga dazio all’inesperienza: si pensi all’ultimo ko di Olbia, domenica scorsa, quando la Juventus Under 23 era riuscita a pareggiare faticosamente e poi, anziché gestire, ha provato a vincere finendo sconfitta.

Quella di Lamberto Zauli resta però una formazione di tutto rispetto, dove tra i pochi fuoriquota troviamo anche l’ex attaccante grigiorosso Andrea Brighenti. Il bomber sulla cresta dall’onda, però, è il 2001 Petrelli, autore di una tripletta alla Pistoiese e poi, la domenica successiva, dell’assist per il momentaneo pareggio di Rafia. In difesa gioca invece Filippo Delli Carri, figlio dell’ex serie A, e sempre difensore, Daniele Delli Carri.

Da tenere sott’occhio inoltre in mezzo al campo il brasiliano Wesley e l’ala Felix Correia. Dopo questo recupero la Pergolettese sfiderà altre due avversarie toste, Carrarese e Novara, prima di un rush finale caratterizzato quasi esclusivamente da scontri diretti.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti