Commenta

Controlli polizia di Stato, due
indagati: un tunisino per furto
e un cileno per danneggiamenti

Continua incessante l’attività di prevenzione del Commissariato P.S. di Crema per contrastare i fenomeni criminosi più diffusi quali:  scippi,  furti in appartamento,  borseggi e spaccio di sostanze stupefacenti.

In tale ambito è stato indagato un cittadino tunisino di 30anni, senza fissa dimora, controllato alla stazione ferroviaria che è stato trovato in possesso di uno zaino contenente un portafoglio, un cellulare ed effetti personali che da accertamenti successivi risultavano asportati la sera precedente in un bar di piazza Duomo a un dipendente e al titolare dello stesso. Lo straniero è stato denunciato in stato di libertà per il reato di ricettazione ed affidato all’Ufficio Immigrazione della Questura di Cremona per l’adozione del provvedimento di espulsione mentre il “bottino” è stato reso ai proprietari.

Un 25enne cileno residente a Crema è stato invece denunciato per danneggiamento di un’autovettura parcheggiata sulla pubblica via. La vicenda ha avuto origine dalla denuncia presentata dalla proprietaria del mezzo che ha riferito di aver trovato il veicolo con vistosi graffi sulla carrozzeria prodotti con un arnese a punta. La visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza di una ditta vicina al luogo teatro dei fatti ha permesso di ricostruire i fatti e individuare il responsabile.

Infine, nei pressi di un bar del centro, due cittadini romeni sono stati trovati in evidente stato di ebbrezza e segnalati alla Prefettura di Cremona ai sensi dell’art.688 c.p.

L’attività della Polizia di Stato, inoltre, nei giorni scorsi ha permesso di controllare 88 automezzi e identificare 185 persone, grazie ai 12 posti di controllo lungo le strade principali. 5 gli esercizi pubblici controllati e 22 le verifiche di soggetti agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata
Commenti