Commenta

Scampato incidente
ferroviario, le reazioni di
Gobbato (Lega) Piloni (Pd)

I binari a Pioltello

“Episodio grave e inaccettabile che avrebbe potuto avere conseguenze serie e causare una nuova tragedia”. È dura la presa di posizione dell’onorevole della Lega Claudia Gobbato, in merito alla notizia del cedimento di un giunto tra i binari della linea ferroviaria Cremona-Treviglio; la stessa dell’incidente di Pioltello del 25 gennaio 2018 dove morirono 3 persone e ne rimasero ferite 50. “Sono eventi – ha continuato l’onorevole – che si ripetono troppo spesso, ricordo che solo la settimana scorsa si è verificato un altro guasto, in quel caso dovuto al malfunzionamento delle sbarre di un passaggio a livello. Ne va della vita e della sicurezza dei nostri cittadini e non è più ammissibile rischiare di morire per inadempienze dello Stato”. “Visto il perpetrarsi dei recenti gravissimi episodi presenterò nuovamente un’interrogazione all’attuale ministro Paola De Micheli finalizzata ad ottenere delle rassicurazioni, oltre a risposte chiare riguardo l’impegno concreto da parte dello Stato, per interventi risolutivi, rapidi ed efficaci, nella speranza che questa volta si agisca prontamente e non si facciano invece inutili e sterili proclami politici”. “Il mio impegno e la mia attenzione al riguardo – ha concluso l’onorevole – sarà massima in quanto il nostro territorio non può più tollerare situazioni di questo tipo”.

“Abbiamo scritto alla presidente della commissione Trasporti Claudia Carzeri perché già nella seduta di giovedì convochi Rfi e Ansf nella stessa giornata in cui ascolteremo l’amministratore delegato di Trenord Marco Piuri e l’assessore Claudia Terzi” sottolinea il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni, primo firmatario della richiesta. “Ci chiediamo come sia possibile che quasi due anni dopo l’incidente di Pioltello la linea ferroviaria sia ancora insicura, con guasti simili a quelli che furono fatali a gennaio 2018. Questa volta il macchinista ha avuto la prontezza e la freddezza necessarie per evitare il peggio, e a lui va la nostra gratitudine, ma la sicurezza di chi viaggia deve essere una priorità assoluta. Anche per questo motivo mercoledì mattina saremo presenti con un presidio nelle stazioni di Cremona, Soresina, Castelleone, Crema e Capralba per chiedere un servizio di qualità e portare in Regione la voce dei pendolari”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti