Commenta

Pandino volta pagina: Bonaventi
sindaco. 'Punto di ascolto per i
cittadini. Scrp? Magari usciremo'

Bonaventi

La sua prima azione sarà quella di riaprire il centro storico, eliminando la Ztl istituita due anni fa in via Umberto I. Ma Piergiacomo Bonaventi, neo eletto sindaco di Pandino, ha orizzonti ampi.

Intervistato poco dopo lo spoglio delle schede, ha dichiarato: “Mi aspettavo questa vittoria. Ci abbiamo lavorato duramente per un anno. Sono soddisfatto, perché stavolta Pandino non ha avuto paura di cambiare”. Erano infatti 25 anni che il paese veniva governato dal gruppo civico di ispirazione centrosinistra. Stavolta, grazie anche al traino nazionale della Lega, è stato un plebiscito per il centrodestra: Bonaventi ha vinto con il 51%, staccando il sindaco uscente Maria Luise Polig di 723 voti.

Nel programma, il primo cittadino ha inserito tra le priorità un punto di ascolto per i cittadini, la valorizzazione turistica del paese e la creazione di una Consulta dei Giovani.

Spostando l’attenzione alla politica del territorio, Bonaventi dà un primo sguardo critico alla permanenza in Scrp: “Voglio parlarne con gli altri sindaci in quota Lega e centrodestra. Non escludo – ha aggiunto – di seguire Grassi ed altri già fuoriusciti”. Anche verso il Comune capofila, Crema, la musica cambierà: “In questi anni Pandino è stato molto filo-cremasco. Ora Crema avrà una spalla in meno: ci sono questioni e servizi che andranno rivisti. Certamente Comuni limitrofi con amministrazioni di centrosinistra (come Spino e Rivolta) troveranno le porte aperte e ascolto assicurato”.

ab

© Riproduzione riservata
Commenti