Commenta

Arresto Altitonante: reazioni
Pd e M5s dopo sospensione
attuata da Fontana

In seguito all’arresto di Fabio Altitonante, coordinatore di Forza Italia a Milano dalla fine del 2015 e sottosegretario alla Rigenerazione e sviluppo area Expo in Regione Lombardia dal 2018, il governatore della Lombardia Fontana gli ha sospeso le deleghe.

Soddisfazione da parte di Matteo Piloni (consigliere Pd) che ha ringraziato il presidente regionale: “Mi auguro avrà modo di chiarire anche quanto la magistratura ha sollevato in merito alla nomina regionale che coinvolge il socio del suo studio legale.  Alla magistratura il suo compito. Certo è che, ancora una volta, la nostra Regione è al centro dell’ennesima vicenda giudiziaria a dimostrazione di un modo di fare politica figlio di 25 anni di un “sistema di potere” duro a morire e che anche questa giunta regionale fatica ad allontanare. Seguiremo la vicenda con attenzione nell’interesse dei cittadini e dell’Istituzione, nella speranza che sia chiario tutto quanto prima”.

Più duro il pentastellato Degli Angeli: “La sospensione di Altitonante è solo un congelamento ed è troppo poco. I fatti contestati al politico di Forza Italia sono molto gravi e il Presidente Fontana doveva revocare totalmente l’incarico al sottosegretario con il ritiro delle deleghe. Questa politica non ha imparato a darsi regole e ad applicare sistemi che isolino quelle persone che non fanno l’interesse pubblico. Ci auguravamo che dopo le inchieste e gli arresti con Formigoni e Maroni qualcosa in Lombardia potesse cambiare. Corruzione e tangenti sono ormai fenomeni ciclici e vanno ostacolati con con più determinazione”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti