Commenta

Mario Sangiovanni
candidato sindaco
a Romanengo

Valentina Gritti attuale capogruppo del gruppo consigliare della rocca ha fatto sintesi del percorso che ha portato alla candidatura di Mario Sangiovanni. È stato istituito un gruppo di ascolto composto da 5 saggi che hanno consultato circa 40 persone del passato e presente contesto politico-amministrativo di Romanengo.

Il nuovo progetto parte da radici consolidate nel tessuto politico amministrativo di Romanengo. La proposta amministrativa è la naturale continuazione della famiglia del centro-sinistra progressista che ha amministrato Romanengo nei decenni precedenti alla attuale tornata amministrativa, che ha trasformato il paese così come lo conosciamo e che lo ha reso attrattivo per le famiglie e le attività produttive e commerciali che nel tempo sono venute ad abitare e si sono insediate.

Il gruppo del nuovo progetto parte dalla composizione degli attuali consiglieri comunali di minoranza, e verrà a formare una lista civica che, al di fuori di ogni ideologia, vuole aggregare persone che hanno a cuore il bene di Romanengo e vogliono cambiare la attuale situazione di stallo amministrativo causato dalla attuale amministrazione.

Romanengo dovrà riprendere la centralità delle dinamiche territoriale mirate a progetti sovraccomunali con la partecipazione assieme ai comuni del cremasco, che da sempre lo ha visto attivo nei passati decenni e che ha subito una brusca battuta d’arresto con l’attuale maggioranza di Romanengo.

Particolare attenzione verrà posta alla Unione dei Fontanili con i comuni di Casaletto e Ticengo, con la volontà di allargarla ulteriormente ad altri comuni, per mettere in atto le opportune progettualità di insieme atte a ottimizzare le risorse e perseguire quelle economie di scala che l’aggregazione può garantire.

Punto focale del progetto sarà la partecipazione con il coinvolgimento dei cittadini che dovranno apportare il proprio contributo per suggerire gli indirizzi progettuali dei futuri amministratori. Partecipazione che è partita nello scorso autunno con la festa nel cortile della rocca dove i cittadini hanno dato degli spunti in merito alle infrastrutture a cuore dei romanenghesi e ai valori universali della pace, solidarietà, accoglienza ed integrazione che devono guidare l’operato amministrativo del futuro gruppo di maggioranza.

Mario Sangiovanni ha ribadito la volontà di fare propri e del gruppo i preziosi suggerimenti sia per la stesura del programma che nel metodo di affrontare la campagna elettorale, che partirà con un periodo di ascolto dei cittadini, delle istituzioni e delle associazioni di volontariato, per cogliere le istanze e i suggerimenti di chi vive ed opera tutti i giorni sul territorio.

Per conoscere le persone che da pochi anni risiedono a Romanengo e non conoscono di persona il candidato sindaco, Mario Sangiovanni ed il gruppo del comitato elettorale hanno lanciato l’iniziativa “un caffè con Giamma” chiedendo a chi lo conosce di invitare i propri vicini di casa a bere un caffè con il candidato sindaco per conoscerlo e scambiarsi delle idee (Giamma è il soprannome confidenziale del candidato sindaco).

© Riproduzione riservata
Commenti