Ultim'ora
Commenta

Crema Jazz Art Festival,
sabato arriva da Manhattan
lo Smalls Live Collective

Il pianista Spike Wilner, tirolare dello 'Small Jazz Club' di Manhattan, New York

Dopo la rilettura in jazz dei successi di Madonna a cura della vocalist Michela Lombardi e del Riccardo Fassi Trio (special guest il clarinettista e sassofonista Nico Gori) di stasera, venerdì 13 luglio, il CremArena è pronto ad ospitare il secondo, attesissimo, concerto del cartellone principale del Crema Jazz Art Festival, giunto quest’anno alla quarta edizione. Domani, infatti, alle ore 21 (ingresso libero) è in programma l’esibizione dello Smalls Live Collective, formidabile quintetto di musicisti in arrivo dagli Usa.

Lo Smalls Live Collective prende il nome dallo Smalls Jazz Club, piccolo locale nel cuore del Greenwich Village di Manhattan che, negli ultimi anni, ha fatto parlare di sé in tutta la comunità mondiale del jazz, diventando meta obbligata degli appassionati che visitano New York. La formazione è diretta dal pianista Spike Wilner, titolare del club. Con lui quattro veterani come Ugonna Okegwo, storico bassista del quintetto del trombettista Tom Harrell, il batterista Joe Farnsworth (la cui lista di collaborazioni è lunghissima e prestigiosa e include artisti del calibro di Cedar Walton, George Coleman, Harold Mabern, Eric Alexander e Pharoah Sanders), il sassofonista Jesse Davis, tra i più richiesti in Europa (ha registrato e suonato dal vivo assieme a Wynton Marsalis, Jack McDuff, Hank Jones, Chico Hamilton, Joey De Francesco, Wallace Roney, Jeremy Pelt e altri grandi), e il trombettista Joe Magnarelli (già accanto a Lionel Hampton, Jack McDuff, Jimmy Cobb, Louis Hayes, Jon Hendricks, Tom Harrell Big Band, Aretha Franklin, Mulgrew Miller e Harry Connick jr).

Al CremArena, questo ensemble porterà una ventata di jazz newyorkese che, ancora oggi, fa scuola in tutto il mondo. Avanguardia sì, ma nel solco profondo della tradizione metropolitana della Grande Mela, nel cuore della quale il piccolo ma vivacissimo locale ogni notte offre al pubblico concerti e jam session con fior di musicisti, ricreando quello spirito goliardico, ma musicalmente intrigante, dei tempi d’oro del jazz a New York.

Il Crema Jazz Art Festival si concluderà domenica 15 luglio con un altro imperdibile concerto: sempre al CremArena si esibirà il musicista canadese (di origini italiane) Robert Bonisolo, uno dei più valenti sassofonisti sulla scena internazionale, in quartetto (con Matteo Alfonso al pianoforte, Lorenzo Conte al contrabbasso e Anthony Pinciotti alla batteria). In scaletta composizioni originali e standards, riletti attraverso un’accurata ricerca armonica e sonora da parte di Bonisolo.

Il trombettista Joe Magnarelli

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti