Commenta

Le tecnologie e il loro
impatto: il corso della scuola
di educazione all'economia

8 incontri da febbraio a marzo
Una crescita, ma senza lavoro. Una rivoluzione che sta trasformando radicalmente l’intero mondo economico, e con esso il nostro mondo. La nostra vita, in tutti i suoi ambiti: dal concetto di privacy a quello di identità, dal ruolo produttivo a quello di soggetto con diritto alla sua salute, la sua educazione, la sua prospettiva di impegno nella collettività.
Se c’è un corso, gratuito, per tutti, che va raccomandato a coloro che vogliono interpretare le tendenze dell’economia per non esserne soltanto vittime, questo è il corso sulle tecnologie digitali e il loro impatto organizzato dalla Scuola di Educazione all’Economia di Crema.
Una scuola, tiene a precisare il professor Piero Carelli, che insieme al collega Francesco Torrisi si occupa della didattica e ha contattato gli illustri relatori di questi due moduli: “Una scuola perché diamo il materiale, un attestato, dei crediti formativi, e c’è una vocazione ad educare le persone, dare loro strumenti di interpretazione della realtà senza pretendere un livello altissimo di professionalità: non siamo economisti, siamo appassionati del tema e chiediamo agli esperti di darci un orientamento”.
Da venerdì 2 febbraio a venerdì 23 marzo, in due moduli di cinque e tre lezioni, con la sola iscrizione gratuita per mail, sarà possibile assistere alle lezioni di importanti professori dalle migliori università italiane e del mondo, con l’ospite speciale della prima lezione: il sociologo Domenico De Masi, professore emerito della “Sapienza” che entrerà subito nel vivo della materia parlando della società “senza lavoro” verso la quale stiamo andando: un incubo o una liberazione per l’umanità?
I MODULI
Il primo modulo affronta non solo la portata della rivoluzione in atto, ma anche il suo impatto sull’economia e, in particolare, sul mondo del lavoro. Il secondo modulo punta, invece, sulle possibili ricadute a livello territoriale delle tecnologie digitali. Una scuola di “educazione all’economia”, finalizzata a fornire gli strumenti di base per “leggere” il ruolo strategico svolto dall’economia nel nostro tempo, si rivolge a tutti, in particolare
a chi si occupa di programmare il futuro del nostro territorio:
Amministrazioni comunali
Categorie economiche e professionali,
Associazioni dei lavoratori,
Forze politiche
e naturalmente i più giovani: saranno loro che si troveranno a vivere direttamente la fase matura della rivoluzione tecnologica in corso e che dunque dovranno essere maggiormente attrezzati.
APERTO A TUTTI
Il corso è aperto a tutti ed è gratuito, ma, trattandosi di una scuola, sono più che opportune le iscrizioni e la comunicazione dell’indirizzo di posta elettronica che potranno consentire a ogni partecipante di ricevere la documentazione utile sia prima di ogni lezione (abstract) sia dopo (versione scritta) e allo staff organizzativo di predisporre la sala nel mondo più appropriato.
Ecco l’indirizzo a cui inviare le iscrizioni: scuoladieconomiacrema@gmail.com
IL PROGRAMMA (sempre presso la  Sala Cremonesi, Centro Culturale S. Agostino – Crema, orario: 21-23).
Cliccare qui: https://goo.gl/P9642i

© Riproduzione riservata
Commenti