Commenta

Illuminazione pubblica, M5s
deposita un'interrogazione:
'Troppe zone sono buie'

Un’interrogazione per chiedere  delucidazioni sulla nuova illuminazione pubblica della città, se siano previste varianti in corso d’opera e con quali precise tempistiche la situazione sarà riportata, in alcune zone della città, almeno al livello ante operam.
E’ l’ultimo lavoro del Movimento 5 Stelle Cremasco, avviato dopo le lamentele giunte dai cittadini che “hanno segnalato un netto peggioramento dell’illuminazione, elemento che, anche il Sindaco, considera il principale deterrente per prevenire fenomeni di criminalità. Non si capisce come mai molti quartieri e vie della città siano ora al buio”.
“Nella discussione del bilancio, l’assessore Bergamaschi ha asserito che l’intervento di potenziamento della nuova tecnologia a LED sarà attuato presumibilmente fra circa un paio d’anni, a seguito di alienazioni, quindi senza alcuna certezza, il tutto con una priorità minima su una scala da 1 a 3. Vi fosse stato coinvolgimento della cittadinanza anche sul bilancio appena approvato, sicuramente il tema avrebbe avuto maggior priorità rispetto a quella stabilita”.
Un modus operandi che, secondo i grillini, è “inaccettabile. L’Amministrazione deve attivarsi fin da subito per circoscrivere le responsabilità, sue o di altri, e porre rimedio al problema, evitando di parlare a sproposito di ‘smart city’: una vera città intelligente riesce ad integrare tutti gli aspetti della vita dei cittadini, migliorando ed ottimizzando le capacità degli strumenti messi a disposizione”.
QUI il testo dell’interrogazione.

© Riproduzione riservata
Commenti