Ultim'ora
Commenta

Elezioni, 'Cento menti per
il programma Bonaldi'. Via
ai forum programmatici

Per il secondo mandato stesso metodo di cinque anni fa ma con la novità dei quartieri

La campagna elettorale è ormai entrata nel vivo e il sindaco uscente Stefania Bonaldi lavora al programma anche tramite i forum programmatici.

Crema che cresceDa mercoledì scorso si sono infatti aperti i forum tematici, guidati dai tutor, ai quali hanno aderito un centinaio di persone che si sono messe di buona lena per elaborare la materia prima del prossimo programma di Stefania Bonaldi. Il metodo è il medesimo utilizzato cinque anni fa, “Le officine di Stefania”, ora titolato #IncontriAmoCrema: nei pomeriggi o di sera, al bar, nelle sedi di partito, presso i circoli o anche nelle case private, si svolgono autonomamente, ma in modo coordinato, le riunioni dei dieci gruppi di cittadini che approfondiranno i temi del welfare di prossimità  e della qualità  della vita nei quartieri; altri dieci si concentreranno su tematiche generali quali Mobilità, Economia e Lavoro, Attrattività, Cultura, Partecipazione. Ai gruppi sono assegnate schede sintetiche su cui annotare idee e progetti che devono rispettare i criteri di fattibilità e sostenibilità. Alla scadenza dei lavori, fissata per metà marzo, il team dei valutatori raccoglierà gli elaborati e farà una prima cernita, consentendo il recepimento nel programma amministrativo della candidata.

Un metodo “partecipativo”, come lo ha definito il comitato elettorale del sindaco uscente “e non soltanto ‘partecipato’, perché i cittadini iscritti producono i progetti da zero”.

“Un cambiamento culturale – ha spiegato la Bonaldi – È la differenza rispetto a diversi modelli dove ci si limita a ratificare decisioni già prese. Un modello che ci piacerebbe tenere vivo, se confermati, anche durante gli anni di Amministrazione, per lo meno sui temi decisivi per la città. Se invitiamo le persone ad avvicinarsi alla amministrazione della propria città, poi occorre renderle protagoniste e non solo comparse”.

L’obiettivo di #IncontriAmoCrema è ovviamente dotare i cittadini di tempo e di strumenti aperti così poi da portare le loro idee nel programma e costruire una base di sostegno forte, ma c’è un altro vantaggio dal lato politico secondo i suoi promotori: “partecipando a questo percorso, la ‘classe dirigente’ che andrà a occuparsi della macchina comunale si rinnova e impara a non nutrire riserve o preconcetti sulla co-creazione di obiettivi. Quelli che saranno pane quotidiano dal 2017 al 2022”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti