Cronaca
Commenta

Rapina ed estorsione: arrestati dai carabinieri un calabrese e un nordafricano

E’ stato arrestato dai carabinieri di Crema un calabrese, residente a Ripalta Cremasca, che, attraverso pesanti minacce, era riuscito ad estorcere ad un cremasco oltre 1.000 euro. Insieme al malfattore i carabinieri hanno arrestato anche il suo complice nordafricano.

La vicenda risale al dicembre 2015, quando la vittima, un 30enne ipovedente, aveva conosciuto il calabrese in un bar e, impietosito dai problemi famigliari del meridionale, gli aveva consegnato piccole somme di denaro.

Il giovane si era poi accorto di essere stato truffato e in seguito ha rifiutato di elargire altri soldi. Ma nel giugno del 2016 il calabrese ha bussato nuovamente alla porta del giovane cremasco, in compagnia di un nordafricano, minacciandolo pesantemente. La vittima è stata quindi costretta ad effettuare un prelievo bancomat di 200 euro e questi “prestiti” forzati si sono protratti sino a superare i 1.000 euro.

I carabinieri hanno visionato le immagini della telecamera posta sopra lo sportello bancomat e hanno così potuto individuare i colpevoli, che sono risultati già noti alle forze dell’ordine per altre vicissitudini giudiziarie.

“Il Gip del Tribunale di Cremona ha ritenuto gravi le prove raccolte ed emesso l’ordinanza di custodia cautelare per entrambi che nella serata di giovedì sono stati rintracciati nelle rispettive abitazioni, arrestati e tradotti in carcere a Cremona”, ha spiegato il maggiore Giancarlo Carraro.

© Riproduzione riservata
Commenti