Commenta

Neve in arrivo, il piano
del Comune: una task force
di 90 uomini e 35 mezzi

crema-neve-ev

Neve in arrivo domani, anche sulla Pianura Padana. A Crema è attivo, dal 1 dicembre, il piano neve, il cui responsabile è l’Ufficio tecnico del Comune di Crema, che, in caso di necessità attiva Linea Gestioni per l’avvio delle operazioni.

Il Piano prevede che la città venga suddivisa in 19 zone, ciascuna assegnata a una task force di uomini e mezzi. La precedenza viene assegnata a cavalcavia, sottopassi, accessi scuole e uffici pubblici (nei giorni feriali), cimiteri e chiese (nei giorni festivi). Il servizio è attivo 24 ore su 24, con numero di telefono Linea Gestioni a disposizione di Comune, Forze dell’Ordine, Protezione Civile. Per i cittadini è attivo invece il numero verde 800.904858 disponibile anch’esso 24 ore su 24.

Per l’attuazione del piano neve, che resterà in vigore sino al 28 febbraio, saranno attivi 6 tecnici, 56 operai per lo spazzamento manuale e gli autisti per i mezzi. Saranno a disposizione della città 23 lame per le strade e altre 2 per le piste ciclabili (una in più rispetto all’anno scorso); 6 spargisale e altri 2 per le ciclabili; 2 sparaneve manuali per marciapiedi e vicoli stretti.

Il Comune ha preventivato a bilancio di 48mila euro per far fronte all’emergenza neve, ma i costi potrebbero variare in relazione alla frequenza e alla quantità di nevicate.

I compiti di Linea Gestioni e del Comune.

Prima della nevicata: quando le previsioni meteo annunciano possibili nevicate sul nostro territorio, vengono posti in stato di allerta gli uffici del Comune, della Protezione Civile, di Linea Gestioni e vengono attivati i mezzi spargi-sale per la salatura e/o sabbiatura delle strade, delle piste ciclabili nonché dei marciapiedi prospicenti edifici e proprietà pubbliche.

Durante la nevicata: in caso di nevicate intense e prolungate viene attivato il servizio di sgombero neve che, dopo un primo passaggio su tutte le strade cittadine, si concentra sulla viabilità principale per garantire gli spostamenti in città e per garantire l’accessibilità ai parcheggi pubblici, ai piazzali dei cimiteri, agli ingressi delle scuole e dell’ospedale. Ad emergenza rientrata si dà seguito alla sgombro neve dalla viabilità secondaria e di quartiere. In questa fase, il Piano prevede inoltre che ci si occupi del controllo dei pericoli derivanti dai crolli per l’accumulo di neve sui tetti e sui rami o da alberi pericolanti, dell´eventuale chiusura delle scuole, dell´aiuto ai cittadini in difficoltà (malati, anziani o disabili).

Dopo la nevicata: proseguimento delle attività di sgombero neve e rientro in azione dei mezzi spargi-sale per evitare il pericolo dalla possibile formazione di ghiaccio.

I compiti dei cittadini.

  • Sgomberare dalla neve i marciapiedi antistanti il proprio passo carraio e il proprio accesso privato, sia esso di abitazione, ufficio o esercizio commerciale. Come da ordinanza del Sindaco i proprietari/amministratori degli immobili devono provvedere a sgomberare dalla neve il marciapiede che corre lungo il fronte di tutto l´immobile
  • Accumulare la neve a bordo marciapiede in modo che non invada la carreggiata, non ostacoli i pedoni e non ostruisca gli scarichi e i pozzetti stradali
  • Utilizzare l’automobile solo in caso di assoluta necessità e utilizzare le catene se è necessario
  • Non parcheggiare la propria auto, se possibile, su strade e aree pubbliche; ricoverarla in aree private e garage per agevolare il lavoro di sgombero neve
  • Ritirare i rifiuti in casa qualora il servizio di raccolta rifiuti venga sospeso.

Consigli utili:

  • I responsabili degli immobili devono provvedere allo sgombero della neve e allo spargimento di materiale antiscivolo (segatura, sabbia, sale fondente) sui marciapiedi antistanti l’immobile per tutta la lunghezza del fronte stradale al fine di garantire un passaggio per i pedoni.
  • Si consiglia di utilizzare scarpe invernali con suola antisdrucciolo.
  • Limitare l’uso delle auto solo ai casi strettamente necessari usando la massima prudenza e considerando spazi di frenata molto superiori rispetto le normali condizioni di guida.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti