Politica
Commenta

Amministrative, Sel a fianco della Bonaldi: 'Lavoriamo insieme in modo costruttivo'

E se Rifonda decide di andarsene, Sel ha scelto di restare a fianco del sindaco Stefania Bonaldi, per “continuare a sviluppare nei fatti il lavoro iniziato ormai cinque anni fa e vogliamo farlo nel segno tracciato da questa amministrazione con il coinvolgimento delle donne e degli uomini che hanno una sensibilità di sinistra e che vogliano contribuire costruttivamente a fare di questa città un luogo migliore”.

Sel, seppur non abbia mai taciuto davanti a ciò che, secondo la linea del partito, non andasse bene, ma oltre a “battere i pugni sul tavolo, abbiamo interpretato il nostro ruolo in senso costruttivo e propositivo senza mai anteporre gli interessi del nostro partito al bene della città e dei cittadini: siamo convinti che i partiti siano lo strumento e non il fine delle azioni politiche, specialmente di quelle di una Amministrazione locale che direttamente si rapporta con le persone e con le loro necessità quotidiane”.

“Ci siamo sempre mossi, in coerenza con quello che è stato lo spirito partecipativo e di grande novità che sono state le primarie, per coinvolgere i cittadini e per incidere effettivamente sulle dinamiche e sulle scelte dell’amministrazione guidata da Stefania Bonaldi.
Al di là della propaganda un po’ ingenua e badando invece ai fatti, l’Amministrazione che abbiamo sostenuto e che continuiamo a sostenere ha svolto un encomiabile lavoro specialmente negli ambiti più prossimi alle nostre sensibilità come quelli del sociale e dei diritti. In questo senso rivendichiamo il nostro decisivo ruolo (svolto dentro e fuori al Consiglio Comunale) che ha portato a conseguire molti risultati importanti: si pensi ad esempio alla nostra battaglia per il raddoppio dei fondi per il sociale, all’istituzione del registro delle unioni civili,  al mantenimento di un  modello economico e sociale importante nonostante la crisi occupazionale e di valori con il contenimento delle imposte comunali e con la solidarietà diffusa: tutto ciò lavorando dentro gli scarni  bilanci comunali”.

Non manca una stoccata a Rifondazione Comunista che, secondo Sel, “fatica a comprendere la capacità di rimanere seduti ai tavoli di discussione e ottenere dei risultati e la scambia per appiattimento: un lavoro certo faticoso ma necessario e fruttifero”

“Lavoriamo sulle idee e per le persone. Abbiamo già iniziato attraverso il coinvolgimento di donne e uomini di valore: con loro si sta costruendo una proposta che è il luogo di quanti vogliono propositivamente contribuire alla vita della città”.

© Riproduzione riservata
Commenti