Cronaca
Commenta

Verità per Giulio Regeni, striscione all’istituto Sraffa

Lo striscione affisso allo Sraffa

L’istituto Sraffa ha aperto le porte alla campagna di Amnesty International per chiedere la verità sulla morte di Giulio Regeni, ventottenne ricercatore italiano scomparso a gennaio in circostanze e ritrovato defunto il 3 febbraio. Promotrici dell’adesione, le ragazze della 5A del corso grafico, Ilaria Balduzzi e Alice Cucchetti. “Tutti – hanno spiegato – dobbiamo impegnarci affinché non venga dimenticata questa storia, in maniera da evitare che l’omicidio del giovane ricercatore italiano finisca per essere dimenticato”.

© Riproduzione riservata
Commenti