Politica
Commenta

Comune, sportello
Fondi europei: tra
polemiche ed aperture

Bene ma non benissimo: il Movimento 5 Stelle accoglie l’intenzione di apertura dello sportello Fondi europei al Comune di Crema con soddisfazione e scetticismo: “riveliamo la vaghezza della proposta annunciata dall’assessore al Lavoro, Attilio Galmozzi, che delinea un progetto ancora tutto da definire”, commenta Danilo Toninelli, deputato cremasco del Movimento 5 Stelle, a pochi giorni dal convegno sui Fondi europei organizzato dai 5 Stelle in sala Cremonesi.

RITARDO – Secondo il deputato a 5 Stelle, data la congiuntura economica e lavorativa attuale “non è tollerabile perdere un solo giorno. Eppure ci troviamo, dopo quattro anni di consiliatura Bonaldi, a dover ascoltare annunci su progetti che avrebbero dovuto prendere vita molto prima. Il tempo perso è costato molto a Crema e al Cremasco. Stiamo parlando di nuove imprese che non hanno potuto aprire o rinnovarsi e di posti di lavoro che non si sono creati”.

GIOVANI – La posizione del M5S rispetto all’apertura dello sportello è riassumibile con un motto: “meglio tardi che mai”. Ma, afferma Toninelli, la partita non è chiusa: “Non solo controlleremo che il progetto, ad oggi solo annunciato, vada in porto quanto prima, ma che sia anche efficiente ed efficace. A tal fine ci mettiamo a disposizione per dare il supporto necessario per accelerare i tempi e migliorare i risultati. Auspichiamo che il sindaco ci ascolti o meglio che ascolti le grida di aiuto dei tantissimi giovani e non solo che vorrebbero evitare di abbandonare Crema e l’Italia per trovar fortuna in altri Paesi”.

COLLABORARE – “Non è stato il loro convegno ad aver mosso l’amministrazione – replica l’assessore al Lavoro, Attilio Galmozzi – ma registriamo comunque con soddisfazione l’interesse del Movimento 5 Stelle rispetto ad un tema sensibile. Stiamo lavorando all’idea dello sportello da novembre dell’anno scorso, cercando di definire gli ambiti entro i quali operare. Dal canto nostro, siamo pronti a dialogare e collaborare: già da settimana prossima saremo disponibili ad incontrarci per un primo briefing sul progetto”.

TEMPI – Rispetto ai tempi di realizzazione dello sportello, l’assessore Galmozzi tiene a precisare che “quando si parla di fondi europei, è necessario avere personale in grado di gestirli. Abbiamo intenzione di sviluppare un progetto con la massima accuratezza: affinché funzioni e non si esaurisca nell’istituzione di un ufficio-doppione, non ci diamo una scadenza temporale. Vediamoci e cerchiamo di concretizzare l’idea – conclude Galmozzi – con l’obiettivo di fare una cosa fatta bene con tempi non eccessivamente lunghi”.

Stefano Zaninelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti