Cultura
Commenta

‘Sinfonie e sapori’, la musica
del Folcioni di scena
tra i piatti del Ridottino

“Sinfonie e sapori”, nuovo intreccio tra musica e cibo. Si tratta dell’iniziativa di collaborazione tra l’Istituto Folcioni e il ristorante Il Ridottino. “Un titolo – commenta Ombretta Cè, della Fondazione S. Domenico – che coglie il segno di quello che si andrà a fare”. Non è la prima volta che Il Ridottino sperimenta abbinamenti culinari ed culturali. Da cibo e filosofia si passa ad una nuova accoppiata: cibo e musica, l’uno ad accompagnare l’atro, e viceversa.
“L’idea – spiega Carlo Alberto Vailati, chef e patron del Ridottino – è nata per caso”. Continua: “il filo conduttore è portare la scuola fuori dall’ambito di puro ascolto, unendola al momento ludico di proposta culinaria”. L’iniziativa si inserisce nella stagione collaborativa denominata “Ridottino Live”. Esperimento partito l’estate scorsa, ogni primo venerdì del mese proporrà esibizioni musicali all’interno del locale, dove si potrà, comunque, degustare qualche piatto o cenare. “Gli alunni – sostiene Jessica Sole Negri – hanno fame di esibirsi davanti al publico”. E, riguardo al Ridottino, parla di una “cornice adatta, perché lascia una sfera di artisticità”. Un’occasione, per gli alunni, di uscire dalle “mura sicure” della scuola.
“È fondamentale portare la scuola in città e nei locali”, ha chiarito Alessandro Lupo Pasini, direttore del Folcioni. “Questo è il momento in cui la gente ha bisogno di arte, di divertirsi”, continua il direttore. E allora, appuntamento a venerdì 7 febbraio, alle ore 22, al ristorante Ridottino, per “Variazioni” – esibizione della classe di chitarra classica – e “In-Canto” – in cui saranno impegnate le classi di canto moderno e pianoforte moderno.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti