Commenta

Paullese, Alloni: “Non ci si può
affidare alla provvidenza
serve lavoro delle istituzioni”

Tempi maggiori dei semafori, nuovo rondò a Paullo-Conterico e stato di avanzamento del progetto del prolungamento della metropolitana M3. Questi i punti messi sul tavolo della commissione Trasporti della Provinca di Milano dai rappresentati delle associazioni “Paullese Libera” e “Coordinamento dei Pendolari Cremaschi”. Pendolari stanchi delle code che rendono ogni giorno un’odissea arrivare e tornare da Milano.
Un incontro con l’assessore Mobilità e Infrastrutture De Nicola al quale hanno preso parte anche i rappresentanti del Pd, il consigliere regionale Agostino Alloni e il capogruppo in provincia di Milano, Bruno Ceccarelli. Consiglieri che non sono rimasti affatto soddisfatti da quanto emerso. “Per risolvere i tanti problemi della Paullese non si può solo ‘sperare nella provvidenza’ come ha detto oggi l’assessore provinciale milanese alla Mobilità e Infrastrutture De Nicola. È necessario avviare al più presto un tavolo congiunto tra la Regione Lombardia le province di Milano, Cremona e Lodi, il Comune di Milano,i sindaci e le aziende che si occupano del trasporto pubblico interessati dalla tratta”, hanno detto al termine.
“Diverse sono le questioni – spiega Alloni – che si incrociano sul territorio: la riqualificazione della Paullese, il tema del trasporto pubblico locale su gomma, la viabilità anche alla luce delle nuove opere infrastrutturali e l’annoso tema del prolungamento della M3 e dello snodo e dell’ hub di San Donato. Bisogna puntare sulla mobilità sostenibile e lavorare per connettere le diverse offerte del trasporto pubblico. Tante sono le soluzioni possibili, ad esempio potenziando la mobilità ciclabile e avviare un sistema di navette per la metropolitana in grado di disincentivare l’utilizzo del mezzo privato”.
“La Provincia e il Comune di Milano – aggiunge Ceccarelli – lavorino in un’ottica metropolitana per affrontare il tema della mobilità verso il capoluogo. La Paullese è un’arteria importante e un punto nevralgico del sistema stradale del sud Milano. Per questo avviare un tavolo con le istituzioni è il primo passo per affrontare il problema in maniera organica e in un’ottica metropolitana. Ricordiamo all’assessore De Nicola che è inutile continuare a giustificarsi dando la colpa alle precedenti amministrazioni. La Provincia di Milano si rimbocchi le maniche e assuma un ruolo di regia convocando subito il tavolo sulla Paullese”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti