Sport
Commenta

Luci al Palacremonesi
Iniziata ufficialmente
la stagione dell’Erogasmet

È iniziato ufficialmente il raduno dell’Erogasmet Crema. Dinanzi ai massimi dirigenti e ai rappresentanti del main sponsor, Denti e compagni si sono radunati agli ordini di coach Alessandro Galli per cominciare ufficialmente la nuova avventura nel campionato di Divisione Nazionale C per la sesta stagione consecutiva. C’erano appunto capitan Denti e Degli Agosti, smaniosi di cominciare la quarta stagione assieme con la squadra della loro città, c’era Anzivino con il solito fuoco negli occhi, Tagliaferri con la rabbia di riprendersi quello che un brutto infortuneo gli ha tolto l’anno scorso, Persico forse un po’ distratto dall’imminente laurea, Cardellini che “zampettava” già da una parte all’altra del campo come se avesse preservato la condizione dello scorso giugno. E c’erano i due nuovi arrivi triveneti, Bosio e Galiazzo, scesi di categoria solo perché convinti al centodieci per cento della serietà del progetto Erogasmet.
In attesa dell’inserimento dei giovani dell’Under 19 impegnati a breve nel torneo di qualificazione al campionato Elite, saranno loro i “marines” che affronteranno la prossima impegnativa stagione.
Stagione che inizia con una prima settimana di fuoco agli ordini del preparatore atletico Alessandro Cadei che verificherà ogni giorno chi ha fatto il bravo e chi no durante l’estate. Sabato invece, dopo l’allenamento mattutino l’Erogasmet andrà in scena nella prima uscita stagionale contro Vimercate, squadra militante nel campionato di Serie C regionale con palla a due alle 17.00 al Palacremonesi.
Occhi puntati durante il primo giorno di raduno su Andrea Galiazzo, trevisano, classe 1983, play/guardia cresciuto cestisticamento nell’illustre vivaio della squadra della sua città. Vanta un lunghissimo curriculum nel campionato di Serie B dove ha vestito tra le altre le maglie di Torino, Arezzo (con cui ha vinto la classifica finale dei marcatori nella stagione 2009/10), Montecatini Terme e Corno di Rosazzo. Dovrebbe essere l’uomo giusto per non far rimpiangere la partenza di Andrea Bianchi.
Cosa ti ha convinto ha scegliere una piazza come Crema?
Il progetto del Presidente Donarini è senz’altro interessante. Ho avuto da subito l’impressione che Crema sia una piazza davvero seria con un progetto concreto, cosa rara in questi tempi.
Andrea Galiazzo torna a giocare in questa categoria dopo anni di serie B. Ho giocato per due stagioni in serie C con Montebelluna qualche hanno fa. In veneto il livello era abbastanza alto, così come credo qui in Lombardia.
I compagni di squadra?
Ho già avuto il piacere di affrontare Max Bosio. Si tratta di un giocatore molto versatile e con una buona mano. Il resto della squadra la conoscerò a breve.
Che giocatore ti definiresti?
Un giocatore tutto cuore (a proposito a breve farà conoscenza col nostro Bob Anzivino). Più attaccante che difensore.
Che stagione sarà questa per l’Erogasmet?
(Tocca ferro). La squadra non la conosco anche se so che è stato confermato in blocco il gruppo vincente dell’anno scorso. Cercheremo di fare un buon campionato e ai play-off, quando entrano in gioco svariati nuovi fattori, ce la giocheremo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti