Commenta

Il bello e il buono del Cremasco
Serata per la tappa della
Ciclovia dei tre fiumi

Sono partiti stamattina da Milano, attraversando in bicicletta il caos delle vie della “city”, hanno percorso silenziosi le periferie lungo l’argine del Naviglio della Martesana, per immergersi nel verde delle campagne, verso l’Adda. Nel prossimi giorni raggiungeranno il fiume Serio, per poi piegare a sud, verso il grande fiume, il Po. E in una di queste tappe, la ‘Ciclovia dei tre fiumi’ passerà anche da Crema. Sarà il 12 giugno, nella terza tappa del tour da Milano a Sabbioneta. E in quella serata l’amministrazione ha organizzato, in collaborazione con la Provincia di Cremona una serata per scoprire bellezze e bontà di Crema e del suo territorio.

L’incontro, organizzato presso i chiostri del Museo alle 21 di mercoledì 12  giugno, vuole far riscoprire ai cittadini e operatori del settore turistico le belle, nascoste o sottovalutate della città de l suo territorio: storia, arte cultura, ma anche gastronomia e natura.

Alla serata saranno presenti i ciclisti che racconteranno il proprio viaggio con immagini e suggestioni narrative, e esperti che condivideranno con i presenti il racconto del bello e del buono di Crema. La serata vuole essere anche un momento di formazione e informazione finalizzato a sensibilizzare gli operatori commerciali, turistici, istituzionali del territorio verso una modalità di accoglienza che possa veicolare le eccellenze dei dintorni attraverso la narrazione: proprio la modalità con cui si raccontano i luoghi permette al visitatore di godere a pieno dell’esperienza. ‘Il bello e il buono di Crema:  Il racconto del nostro territorio”. L’appuntamento è al centro culturale S. Agostino alle 21. Interverranno lo storico d’arte, Cesare Alpini, Ivan Bonfanti e Laura Comandulli direttore del Parco del Serio, Antonio Bonetti e Carlo Albero Vailati dell’associazione Tavole Cremasche che intervistati da Jessica Tonelli dell’associazione Itineraria descriveranno le bellezze del Cremasco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti