Ultim'ora
25 Commenti

Il Pdl punta il dito contro il Sindaco
“Basta promesse non mantenute
è ora di passare ai fatti”

“Caro Sindaco, cambiamo passo.” Il gruppo consiliare Pdl punta il dito contro Stefania Bonaldi: una critica serrata, che spazia dall’inesperienza degli assessori, all’influenza subìta dai partiti sostenitori della maggioranza, alla revoca di Cda delle partecipate, promesse che secondo il Pdl sono rimaste parole da campagna elettorale.

BATTAGLIE E RINCORSE

L’attacco si focalizza sulla mancata filosofia di confronto e partecipazione portando ad esempio la negata Commissione temporanea sulla Cittadella dell’anziano, scelta che non ha permesso ai consiglieri di minoranza di svolgere altri approfondimenti. Parlando di bilancio in rosso, la minoranza sottolinea come a fronte della mancanza di fondi per il verde e la manutenzione delle strade siano stati trovati ben 40 mila euro per la nuova Pergolettese. Anche le diverse battaglie che la nuova Amminsitrazione si sta trovando ad affrontare lasciano scontenti i membri del Pdl, che su temi come la difesa del Tribunale e il riordino delle Province criticano la mancanza di tempismo e strategie, “Senza coinvolgere le Istituzioni, i partiti e senza calcolare il destino dei servizi ai cittadini sul territorio”, spiega il consigliere Pdl Laura Zanibelli. Una disorganizzazione che, a suo avviso, si riflette anche in momenti solenni come la commemorazione dei 20 anni della strage di Borsellino, “Prima dimenticata poi organizzata alle 14 del giorno stesso e definita sobria perché ovviamente priva di partecipazione”.

IL TAVOLO PER LA CITTA’ DELLA TERZA ETA’

L’ultima stoccata riguarda il Tavolo per la Città della terza età convocato questa settimana: “Signor Sindaco, forse non si ricorda che in Consiglio Comunale proprio lei si era impegnata a coinvolgere i membri della Commissione Consigliare per le politiche sociali?” chiede Laura Zanibelli, infastidita dalla mancata convocazione delle minoranze. “Non è un problema di presenzialismo – continua – è rispetto delle Istituzioni e degli impegni assunti”. Dopo la bocciatura della Cittadella dell’Anziano l’assessore Zanibelli sottolinea la necessità di un tavolo di discussione che coinvolga tutti i consiglieri delegati alla materia di maggioranza e minoranza, un coinvolgimento ampio e fattivo che finora non è stato percepito dalle parti in causa.

ZANIBELLI: “VOGLIAMO I FATTI”

“Il panorama sta rapidamente cambiando su diversi fronti, in alcuni casi abbiamo tempi molto stretti – conclude Zanibelli – La invitiamo ancora ad aprirsi presto alle Istituzioni, ai Sindaci, alle associazioni di categoria, ai partiti, al territorio, a tutte le forze coinvolte. Solo così le sue non saranno solo dichiarazioni altisonanti ma vi faranno seguito i fatti”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti