4 Commenti

Comune e Pergolettese
accordo per il “Bertolotti”
Pala Bertoni: quasi fatta con l’Icos

Sopra, una gara disputatasi al “Bertolotti”

Giorni di intenso lavoro per i tecnici del comune e per il consigliere incaricato allo sport Walter Della Frera, il quale comunica che è stato definito con il referente della neonata US Pergolettese Cesare Fogliazza, un accordo per il ripristino e la gestione del Centro Sportivo “Bertolotti” a cura della società sportiva.

ANNI DI INCURIA

Walter Della Frera

Come diretta conseguenza dell’incuria delle recenti gestioni disastrose del Pergocrema, i cui risultati si sono manifestati qualche settimana fa, con la nomina del curatore fallimentare, la struttura sportiva necessita di interventi di risistemazione, sia per quanto riguarda i due campi, che per quanto riguarda la zona spogliatoi.
La nuova società si impegna a ripristinare l’impianto sportivo Bertolotti, ed i lavori inizieranno immediatamente, per consentire l’inizio della preparazione estiva alla squadra gialloblù, mentre a fronte di questi interventi il comune verserà nel corso del 2012, una quota una tantum di 40mila euro, somma che è stata dichiarata congrua dall’Ufficio Tecnico comunale, previa verifica che i lavori siano stati compiuti, si precisa nel comunicato “a regola d’arte”.
In base alla richiesta della Pergolettese, per quanto riguarda la normale stagione agonistica 2012/2013 è allo studio uno schema di convenzione, in cui la società sportiva si assumerà la gestione completa del “Bertolotti”, incluse le utenze dei servizi luce, gas e acqua, mentre lo stadio “Voltini” invece, resterà in gestione al comune e la Pergolettese si alternerà nel suo utilizzo per le gare interne del campionato di serie D, con l’AC Crema 1908, che partecipa al campionato regionale di Eccellenza.

Il Voltini in una gara in notturna

TRATTATIVE CON LA CREMA VOLLEY

Per quanto riguarda il PalaBertoni, proseguono le trattative con la Crema Volley per la ristrutturazione dell’impianto e per la conseguente stipula di adeguata convenzione che includerà comunque il proseguimento dell’utilizzo dell’impianto, anche per le altre attività (al mattino le scuole, ma anche allenamenti e gare della Reima ed eventi patrocinati dal Comune).
Data l’urgenza dell’inizio preparazione, sia per le ragazze dell’Icos, che per i blues della Reima, Volley, si stanno accelerando i tempi e, dal comune confidano di poter giungere all’accordo con la società violarosa in tempi brevi, in modo da poter soddisfare le esigenze di tutti.

L'ingresso del Pala Bertoni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Roberto

    I soldi possono sembrare tanti o pochi (si parla anche di circa 20.000 euro annui per la gestione del Palabertoni). Bisognerebbe capire che vantaggi ha il Comune in termini economici: se la manutenzione fatta direttamente dal Comune costa di più (detratti naturalmente gli introiti per la gestione degli impianti), è un’operazione positiva. Se gli impianti gestiti dal Comune costassero meno e tutta l’operazione è solo per favorire due squadre rispetto alle altre (e ancora ancora l CremeVolley in A/1, ma la Pergolettese in serie D…), non la condividerei

  • Alex

    MA BENEEEE! Una bella cifretta di QUARANTAMILAeuri a fondo perduto, e poi un’altra paccata di eurini per la gestione annuale… Il tutto a totale carico dei contribuenti di Crema e in un periodo di ristrettezze economiche, senza considerare che vanno a favore di una società privata proveniente da un paese vicino che non avrà scopo di lucro non essendo di natura professionistica ma nemmeno opera a favore della collettività cremasca, essendo composta per la quasi totalità di tesserati provenienti dal borgo vicino. AVANTI COSI’!!!

    • al

      Davvero avanti così ma lo dico senza ironia: ho dato un’occhiata al Bertolotti qualche settimana fa, è in condizioni pietose, i due campi sono verdi solo perchè pieni di erbe infestanti: se Fogliazza o chiunque altro lo rimettono in sesto per 40.000 euro (compresi gli spogliatoi) mi sembra un’operazione vantaggiosissima per il Comune: per rifare un campo servono minimo 25000 euro, qui ce ne sono due e in più vengono sistemati gli spogliatoi. L’alternativa era lasciare deperire l’impianto: per anni il Polisportivo (con la sua unica pista di atletica peraltro inutilizzabile per il degrado) era in condizioni pietose, ma dire che Crema ci facesse una bella figura…

      • Alex

        No “al” proprio non ci siamo, non credo tu abbia visto qualche settimana fa l’impianto del Bertolotti, ti saresti accorto che la pista di atletica non esiste più, ma già da parecchi anni, cioè dall’ultima radicale ristrutturazione del decennio scorso. A parte questo piccolo particolare, l’eterna discussione sul riconoscere ad un privato una cifra a fondo perduto per ripristinare la sua perfetta efficienza, e poi riconoscere un’ulteriore somma sempre al medesimo privato per la gestione ordinaria a suo carico con la manutenzione ordinaria non è semplicemente una operazione aritmetica tra quanto questo costerebbe all’ammnistrazione pubblica, vincolata da appalti e lacci varri, ed al privato, certamente più risparmioso negli interventi. E’ una scelta “politica” che non condivido e non ho mai condiviso, anche in passato con amministrazioni di altro colore, perchè inutilmente onerosa per la collettività (di cui faccio parte). Si può concedere un’area, un impianto, un manufatto in concessione GRATUITA per un certo numero di anni. Questo fanno in tante località anche vicine a noi, gli esempi sono più di uno e ben chiari. Così come viene perfezionata a Crema (ora come negli anni precedenti) è solo una sovvenzione a fondo perduto che privilegia il privato ed i politici che la sponsorizzano e danneggia i cittadini.