Politica
Commenta5

Cittadella, nessun passo indietro:
a luglio il consiglio cancellerà
l’accordo di programma

Cittadella dell’Anziano, nessuna retromarcia dell’amministrazione di centrosinistra: a luglio l’accordo di programma approvato dal consiglio comunale guidato dall’ex sindaco Bruno Bruttomesso sarà stralciato. Con un voto in consiglio comunale l’amministrazione cancellerà l’accordo raggiunto e approvato di misura qualche mese fa in sala degli Ostaggi. A comunicarlo è il sindaco Stefania Bonaldi: «Abbiamo già comunicato alla Fondazione la necessità di mettere un freno all’accordo di programma. Non si tratta come dicono di una contrarietà alla Cittadella dell’Anziano, ma della necessità di approfondire ed avere una fotografia reale della popolazione anziana del territorio. Per questo ci stiamo muovendo per attivare un tavolo di lavoro che comprenda Comunità sociale, l’Ufficio di Piano e la Fondazione benefattori cremaschi, per capire e dare risposta a quelli che sono i reali bisogni del territorio. Sono convinta che non ci sia bisogno di Rsa o di Idr, ma di strutture meno sanitarie: residente sociali, case albergo. La Fondazione dovrà intervenire attraverso strutture che abbiano la sostenibilità urbanistica, ambientale, ma soprattutto economica, partendo dal riutilizzo delle aree  e degli immobili esistenti». La maggioranza insiste: una “Città per la terza età”

Ma dove prenderà i 7milioni di euro necessari la Fondazione?

«Non si tratta di 7milioni di euro: noi chiediamo alla Fondazione di attivarsi per la messa a norma e in sicurezza e per questo servono circa un milione e mezzo di euro, non 7milioni. Quelli sono necessari se si vuole fare un intervento completo, quello che prevedeva anche un giardino pensile. Ora vogliamo solo che si faccia uno studio approfondito che riguardi anche la ex Misericordia, e che sia sostenibile».

Entro fine luglio quindi il voto in consiglio comunale per la revoca dell’accordo di programma già approvato. Un voto che certamente troverà la contrarietà del Pdl, ma che probabilmente incontrerà il favore di Antonio Agazzi che già in  passato aveva dichiarato le sue perplessità sul progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti