Ultim'ora
6 Commenti

Salvare il tribunale,
il sindaco bussa
a Treviglio e Cassano

Sindaco in campo per salvare il tribunale di Crema. Il Consiglio dei ministri in questi giorni dovrebbe infatti esaminare il rapporto messo a punto da capo del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria Luigi Biritteri e già arrivato all’attenzione del ministro Paola Severino, per poi arrivare al decreto che dovrà essere emanato entro il prossimo 13 settembre. Meno di tre mesi per cambiare il destino quindi del tribunale di Crema. Tempi strettissimi durante i quali le istituzioni cremasche dovranno muoversi se voglion cambiare il futuro del tribunale.

Per questo il sindaco Stefania Bonaldi, ha incontrato il presidente dell’ordine degli avvocati Ermete Ajello, insieme alla senatrice Cinzia Fontana, per mette a punto alcune strategie per scongiurarene la chiusura. In attesa della conferma della proposta presentata al Consiglio dei ministri che ipotizza un accorpamento con la sezione distaccata di Treviglio, l’amministrazione intende mettere in campo tutte le azioni possibili sia di tipo politico che istituzionale.

Nei prossimo giorni il sindaco, unitamente all’avvocato Ajello e alla senatrice Fontana incontreranno alcuni membri della commissione Giustizia, e chiederanno un incontro al sindaco di Treviglio Giuseppe Pezzoni e all’ordine degli avvocati, per dare corpo e sostanza all’accorpamento con Treviglio che potrebbe ricomprendere anche Cassano d’Adda.

«Non c’è una contrarietà tout court ad interventi miranti alla razionalizzazione e riduzione dei costi, ma riteniamo tuttavia doveroso formulare e sostenere ipotesi plausibili che possano coniugare efficientamento del sistema Giustizia e mantenimento di un livello di servizi accettabile per i cittadini del nostro territorio», ha sottolineato il primo cittadino Stefania Bonaldi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti