Cronaca
Commenta

Il vincitore del San Lucio
è il “Pecorino Toscano Dop”
Diversi i riconoscimenti alla Casearia

Primo maggio di grande festa per la Casearia di Pandino, con la cerimonia di premiazione dei vincitori del 5° Concorso Caseario “Trofeo San Lucio” svoltosi lo scorso marzo.
Il concorso è organizzato da AssoCasearia, l’Associazione dei Diplomati della Scuola Casearia di Pandino, presieduta da Daniele Bassi ed ha ricevuto il patrocinio di Regione Lombardia, Comune di Pandino, ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi) ed il sostegno di tante aziende del settore lattiero caseario presenti su tutto il territorio nazionale.

PREMIATI TANTI CASEIFICI DI EX ALUNNI

Oltre venti le categorie di formaggi premiati con la giuria di esperti, che tra tutti i primi classificati ha voluto premiare come migliore in assoluto, il Pecorino Toscano DOP del Caseificio diretto da Gerardo Ranieri di Follonica (GR).
Diversi i caseifici di ex alunni provenienti da varie parti d’Italia, che hanno ricevuto l’apprezzamento da parte della giuria.
Alla cerimonia hanno partecipato molti dei premiati, con gli organizzatori che al termine della cena, servita nelle Sale del Castello Visconteo, si sono detti molto soddisfatti dell’edizione di quest’anno e si sono messi già a lavoro per programmare la prossima.

I RISULTATI DELLA SCUOLA CASEARIA

Ottimi i piazzamenti che la Scuola Casearia è riuscita a conseguire:Secondo posto nella categoria formaggi a pasta semi dura per il “Fontal” e terzo posto nella categoria formaggi a pasta dura per il “Rustico”, entrambi presentati dal tecnico Giovanni Folini.
Primo posto nella categoria “Aromatici” per il “Cuore d’Oro” formaggio prodotto dai ragazzi della classe II E con zafferano ed erba cipollina; Terzo posto per la “Torta Italica”, il formaggio tricolore realizzato già lo scorso anno, nell’ambito del concorso sull’anniversario dell’Unità d’Italia, bandito dalla provincia di Cremona e riproposto nell’edizione di quest’anno del “San Lucio” dalla classe 3 E.

UNA SCUOLA ACCOGLIENTE

Oltre ad alunni, docenti e iscritti ad AssoCasearia, diverse le personalità presenti, a partire dal dirigente scolastico dell’Istituto “Stanga” Paola Manara, il sindaco di Pandino Donato Dolini, l’assessore Alessio Marazzi, l’arbitro del San Lucio Vincenzo Bozzetti e l’assessore regionale Gianni Rossoni.
Appassionato l’intervento della dirigente scolastica, che ha ricordato la specificità dei percorsi attivati a Pandino in un ambiente accogliente, che cerca di affiancare i ragazzi, sia nel corso delle attività didattiche, che in quelle ricreative in convitto.

UN NUOVO ORDINAMENTO

Nel suo intervento il sindaco Dolini ha comunicato la candidatura di Pandino come sede di un Ecomuseo del latte, mentre il direttore della Casearia Andrea Alquati, ha riproposto la necessità di proseguire nel percorso di confronto con le Istituzioni del territorio, al fine di poter arrivare ad un ordinamento speciale per la Casearia, sull’esperienza di quanto già avvenuto per l’Ipiall “Stradivari” di Cremona.
Disponibile al confronto l’assessore regionale Rossoni, il quale ha sottolineato la grande importanza degli Istituti Professionali e della Casearia in particolare, per storia e tradizione.

LE BORSE DI STUDIO

La premiazione del San Lucio è stata l’occasione per premiare i ragazzi che l’anno scorso hanno conseguito ottimi risultati.
Alunni diplomati: Davide Scaccini, che ha conseguito il diploma di maturità con il punteggio di 100 e lode e Giorgio Formaggia.
Alunni frequentanti: Cristopher Carletti, Vladislav Chatov, Matteo Ginelli, Efrem Alberti, Fabio Fondrini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti