Cronaca
Commenta

Minaccia gli agenti con un mattone:
arrestato 36enne senegalese

Il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Crema, guidato dal Vice Questore Bruno Pagani, ha arrestato per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale un cittadino senegalese di 36 anni residente a Crema.

La vicenda si è verificata qualche sera fa quando una volante del Commissariato, transitando in Piazza Garibaldi, è stata avvicinata da uno straniero che, in evidente stato di agitazione, riferiva di essere stato poco prima minacciato dal fratello.

L’unità operativa si è dunque recata sul posto con l’uomo, ed in quel momento ha trovato ancora l’aggressore che, alla vista del fratello, ha iniziato ad insultarlo, strattonandolo per il bavero.

Gli operatori hanno cercato di bloccare l’esagitato che, estraendo dalla tasca un mattone, ha tentato di lanciarlo verso gli agenti che però sono riusciti ad immobilizzarlo dopo una violenta colluttazione. Uno degli operatori ha riportato una lesione personale giudicata guaribile in 5 giorni per varie contusioni.

L’aggressore, in evidente stato di ebbrezza, è stato arrestato. L’indomani è stato condotto innanzi al Giudice del Tribunale di Cremona che ha convalidato l’arresto e disposto il differimento dell’udienza ad altra data su richiesta della difesa.

Nei giorni scorsi è stato inoltre indagato in stato di libertà per porto abusivo d’armi e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere, un cittadino ucraino di 35 anni residente a Crema, in quanto a seguito di un controllo da parte di personale del Commissariato in via IV Novembre è stato trovato in possesso di un coltello a lama fissa e uno a serramanico; quest’ultimo della lunghezza complessiva di 17 cm è considerato “arma bianca” in quanto la sua destinazione naturale è l’offesa alla persona. I due oggetti sono stati sottoposti a sequestro e l’uomo è stato indagato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona.

© Riproduzione riservata
Commenti