Cronaca
Commenta

Presentata la manifestazione "L'età
della saggezza…insieme in città”

E’ stata presentata oggi la 26^ edizione della manifestazione “L’età della saggezza…insieme in città”, organizzata dalla Fondazione Benefattori Cremaschi Onlus, che ha preso il via questo pomeriggio e si concluderà il prossimo 30 ottobre.

Presente all’incontro anche l’assessore al welfare Anastasie Musumary: “L’evento che ha l’obiettivo di combattere la solitudine degli anziani, l’amministrazione è onorata di supportare tutti gli enti che rendono la vita di queste persone più attiva e permette una seconda rinascita.”

In concomitanza della conferenza stampa organizzata dalla Fondazione, c’è stata anche l’inaugurazione della mostra “Gli infiniti spazi dello sguardo” di Carlo Mariani, il primo spazio della manifestazione.

Non poteva mancare ovviamente Bianca Baruelli, presidente Fondazione Benefattori Cremaschi Onlus: “Siamo onorati di essere tornati a promuovere questo evento. L’età della saggezza descrive tutte le peculiarità dei nostri nonni, per noi deve diventare motivo di onore, di una comunità che si vuole definire matura, siamo onorati di far parte di una comunità così attenta. Quest’anno vogliamo rendere l’idea di quello che è stato il lavoro della vita dentro l’attesa. Questi due anni sono stati lunghissimi, siamo stati costretti a chiudere i cancelli, abbiamo sofferto per dover cautelare in modo protettivo i nostri ospiti”.

Questo evento comunitario gode del patrocinio del Comune di Crema, della Provincia di Cremona, della Fondazione Teatro San Domenica, della Pro Loco Crema e della collaborazione di ATS Val Padana.

La manifestazione ha come obiettivo quello di dare rilievo ad esperienze e riflessioni sul tema della Terza Età, offrendo momenti d’incontro anche per gli ospiti della Fondazione.

Il tema scelto per quest’edizione è “Dentro l’attesa, la Vita”, nato dall’aver dovuto sperimentare purtroppo la difficoltà nel dare risposte agli anziani sulle assenze degli affetti e della socialità dovuti alle restrizioni.

Simone Guarnaccia

© Riproduzione riservata
Commenti