Cultura
Commenta

Il 4 aprile presentazione
del progetto "Parlàa da Riòltå"

Lunedì 4 aprile 2022 alle ore 21 presso l’Atrio del Municipio di Rivolta d’Adda verrà presentato il progetto “Parlàa da Riòltå” dedicato alla riscoperta, al recupero ed alla valorizzazione del Dialetto Rivoltano. Il progetto “Parlàa da Riòltå” nasce da una sinergia intrapresa tra diversi soggetti già impegnati sul fronte culturale della nostra comunità: le associazioni Pro Loco APS e Università del Ben-essere APS, la Filodrammatica “Carlo Bertolazzi” ed il gruppo “Riultã da Riòltå” e si avvale del patrocinio del Comune di Rivolta d’Adda. Si tratta dell’inizio di un percorso finalizzato a studiare, delineare e concretizzare azioni volte a raggiungere le finalità di riscoperta, recupero e valorizzazione del dialetto rivoltano.

 

L’obiettivo iniziale è quello di realizzare un corso di apprendimento destinato ai cittadini che intendono iniziare un approccio con il dialetto rivoltano parlato e
scritto e ad altri che desiderano approfondire conoscenze già acquisite in ambito famigliare o comunitario. Il corso verrà proposto in due sessioni (una primaverile ed una autunnale) e sarà curato da studiosi e cultori locali sotto il coordinamento didattico del Prof. Cesare Sottocorno. Il progetto inoltre vuole promuovere la realizzazione di una nuova edizione del Dizionario del Dialetto rivoltano di Eugenio Calvi. Il lavoro si avvarrà di una piattaforma informatica realizzata ad hoc allo scopo di favorire la collaborazione tra i diversi curatori dell’opera e di giungere ad una nuova versione del Dizionario da promuovere sia con una iniziativa editoriale di tipo tradizionale, sia mediante un apposito portale web. Infine vuole promuovere e realizzare iniziative di tipo culturale, teatrale, musicale ed editoriale volte a valorizzare ed incentivare la conoscenza e la diffusione del dialetto rivoltano. Tra questi un Concorso letterario aperto a tutti e finalizzato alla produzione ed, alla diffusione di nuovi testi dialettali sotto lo stile della poesia, della prosa, della narrativa e della aneddotica.

© Riproduzione riservata
Commenti