Cronaca
Commenta

Incidente sul lavoro, Cgil: "Fatti
come questo non più accettabili"

“Questa settimana un nuovo, tragico, incidente sul lavoro”. Massimiliano Bosio, responsabile della Sicurezza per la Segreteria Cgil di Cremona si riferisce all’infortunio accaduto martedì scorso in una ditta di via Rossignoli a Ombriano. “Un ragazzo di appena diciotto anni, tirocinante presso un’azienda meccanica a Crema, si è schiacciato quattro dita sotto una pressa. Da gennaio a novembre 2021 sono state 502.428 le denunce per infortunio sul lavoro, oltre 1.000 quelle per infortunio con esito mortale. Una vera e propria strage che, oggi, non può essere accettabile”.

“Cgil”, si legge in una nota del sindacato, “considera la sicurezza sul lavoro un diritto fondamentale e pretende si faccia tutto il necessario per garantire un lavoro sano e sicuro. C’è bisogno di seri investimenti in sicurezza e prevenzione, di cui oggi tanto si parla, ma poco si attua concretamente, un impegno concreto per una formazione continua e adeguata ai cicli produttivi.

Chiediamo, inoltre, un forte impegno da parte di tutte le istituzioni perché il tema della sicurezza e della
prevenzione nei luoghi di lavoro sia prioritario nella agenda politica e vi sia un adeguato stanziamento di
risorse economiche e di personale.

Fatti come questo, di cui è stato vittima un giovane tirocinante, al quale esprimiamo tutta la nostra
vicinanza, semplicemente non dovrebbero accadere”.

© Riproduzione riservata
Commenti