Cronaca
Commenta

Archivi storici: finanziamento
regionale a Soncino

Nuove risorse regionali arrivano a Soncino che, grazie allo stimolo di Roberta Tosetti consigliere comunale con delega alla cultura, festeggia oggi il finanziamento per il progetto che interessa gli archivi storici comunali. Nei mesi scorsi il comune guidato dal sindaco Gabriele Gallina, nell’ambito delle iniziative volte alla valorizzazione e alla promozione culturale del proprio patrimonio documentario, aveva partecipato ad un bando regionale, con un progetto redatto dalla dottoressa Ilaria Fiori: di oggi la notizia del finanziamento regionale di 7 mila euro, che va a completare il costo complessivo di circa 10 mila euro, grazie ad altri fondi comunali. “Sono molto felice per il contributo ricevuto e per la possibilità data alla progettualità culturale di Soncino – commenta Roberta Tosetti – che ci consente di proseguire sulla strada già segnata negli anni passati, con il progetto Tracce 1 e 2, per la rivitalizzazione del nostro archivio storico”. Questo finanziamento regionale permetterà un ulteriore intervento sull’archivio storico soncinese, con la possibilità di realizzare il progetto Tracce 3, sul periodo napoleonico, che completa il lavoro già fatto con i primi due progetti, relativi all’esposizione dei principali documenti, ed alla mostra dedicata circa due anni fa, alla prima guerra mondiale: “Il passato è sempre presente e il dialogo tra ciò che non c’è più e ciò che invece continua, rappresenta un modo concreto per capire la nostra realtà e prenderne spunto ed esempio”, aggiunge la consigliera Tosetti, esprimendo il proprio ringraziamento, sia nei confronti dell’archivista Ilaria Fiori, che ha redatto tutto il progetto, sia nei confronti del vice segretario comunale Giovanna Bertocchi, per la parte amministrativa. “Ora pensiamo al futuro e a completare questo progetto, particolarmente importante per la cultura, con l’obiettivo di valorizzare il nostro patrimonio documentario, rendendolo fruibile ai cittadini, attraverso una mostra ed una pubblicazione sul periodo napoleonico, con i documenti che saranno esposti nella sala giunta del comune”, conclude Roberta Tosetti.

In queste settimane si procederà all’inserimento dei dati, attraverso l’applicazione Archimista, che consente di inventariare, censire ed ordinare gli archivi storici, grazie ad un accordo di collaborazione tra Regione Lombardia, Regione Piemonte e Direzione Generale per gli Archivi, al fine di realizzare banche dati di descrizione degli archivi storici, secondo standard internazionali.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti