Cronaca
Commenta

Domenica 5 settembre visita
guidata al parco Manenti con il FAI

Prima iniziativa di settembre per la delegazione FAI di Crema. Domenica prossima 5 settembre prende il via la piccola rassegna (4 eventi complessivi) intitolata “Settembre all’aperto con il FAI”, con la visita al parco “Manenti”, una passeggiata tra natura, arte e storia. Previsti tre turni di visita della durata di circa 60 minuti, alle ore 15, 16 e 17.

Verrà richiesto un piccolo contributo per la missione del FAI da € 3,00 per iscritti FAI; € 4 non iscritti FAI.

La visita sarà dedicata a un percorso di illustrazione botanica a cura di Antonella Manenti (Delegazione FAI di Crema) e al progetto “State vicini a una foglia. L’arte, la terra” con l’Ortocanestro e le opere d’arte installate nel “Giardino della scultura sospesa”.

Nel 2017, da un’idea dell’artista Marialisa Leone, amica dello scomparso Tonino Guerra poeta e sceneggiatore, è nato nel Parco il progetto “State vicini a una foglia. L’arte, la terra”, successivamente arricchito con l’installazione dell’ORTOCANESTRO, una scultura a forma di ferro di cavallo, che racchiude un orto ecologico pensato per permettere agli ospiti della RSA di avvicinarsi e di prendersene cura. L’I.I.S. “Stanga” ogni anno sostiene il progetto mettendo a dimora fiori e ortaggi.

Nel 2019, il Direttore Generale della Fondazione Benefattori Cremaschi Gian Paolo Foina ha proposto l’aggiunta di uno spazio di biodiversità con la realizzazione di un Beehotel (Hotel per le api), una ‘casa-rifugio’ per gli insetti solitari impollinatori. Il progetto “Giardino della scultura sospesa” è stato creato grazie al coinvolgimento di 22 artisti che hanno donato alla FBC opere in tema, arricchendo il Parco Manenti e trasformandolo in una esposizione di arte contemporanea all’aperto.

Costeggiato dalla roggia Rino-Fontana, che in questo punto entra in città, il Parco racchiude un importante segmento del tratto settentrionale delle mura venete (erette tra il 1488 e il 1509) e si estende in una parte di quelle che furono le fosse della cinta muraria. Con la Residenza Sanitario Assistenziale (RSA) “Camillo Lucchi”, il Parco “Gianna Manenti Agello”, fa parte del Presidio di via Zurla della Fondazione Benefattori Cremaschi Onlus (FBC), che ospita 200 posti di degenza.

Gli artisti autori delle opere sono: Marialisa Leone, Mario Diegoli, Mario Quadraroli, Angelo Noce, Francesca Baldrighi, Marco De Stefani, Stefano Ogliari Badessi, Anna Mainardi, Demis Martinelli, Barbara Martini, Sandro Montinori, Tonino Negri, Maria Antonietta Rossi, Olga Varalli, Daniela Gorla. Anche l’I.I.S. “Munari” di Crema ha contribuito al progetto con opere di Francesco Panceri, Francesca Biella, Alessia Deda, Rebecca Lobbia, Andrea Gusmini, Chiara Alberti, Ambra Vailati, Andrea Camerati.

Prenotazione obbligatoria online, posti limitati e piccoli gruppi, obbligo di mascherina, sanificazione delle mani e mantenimento della distanza interpersonale.

Programma completo e link per la prenotazione entro il 4 settembre:  https://tinyurl.com/manenti5

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti