Cronaca
Commenta

Ospedale, Lega: "Si intitoli non a
Strada, ma ai caduti contro il Covid"

Un tema fortemente discusso in questo ultimo periodo riguarda la proposta d’intitolazione dell’ospedale di Crema a Gino Strada promossa dal Movimento 5 Stelle. Una proposta che, però, trova la posizione contraria della Lega Giovani di Crema, come spiega il coordinatore provinciale Andrea Bergamaschini: “Come movimento giovanile esprimiamo un profondo  cordoglio per la morte del fondatore di Emergency, ma puntualizziamo la nostra totale disapprovazione all’intitolazione in suo nome dell’ospedale cremasco”.

 “Il nostro ospedale – prosegue – merita un intitolazione che rappresenti un forte legame con la nostra terra e il vissuto dei cittadini Cremaschi. Gino Strada, per quanto possiamo unirci al cordoglio per la scomparsa dell’uomo, non lo possiamo identificare con una stretta correlazione con il nostro territorio. L’intitolazione dell’ospedale a Gino Strada rappresenta solo una posizione per quei politici e pseudopolitici che voglio etichettarlo con un’ideologia, mettendo proprie bandierine sui beni pubblici”

Bergamaschini quindi evidenzia: “In quel presidio negli scorsi mesi si è combattuto una lotta contro il nemico invisibile del COVID-19 una battaglia che ha visto in prima linea, oltre a tutti gli operatori sanitari, anche l’intero mondo del volontariato insieme a tutta la comunità. Vogliamo sottolineare quindi l’importanza di nominare il nostro ospedale a tutte le vittime di quella lotta contro il covid-19, a coloro che ci hanno dovuto lasciare in questo ultimo anno e mezzo cercando di aiutare in quei momenti disperati”.

“Il sentimento unitario di riconoscenza di tutta la cittadinanza deve guidare la scelta dell’intitolazione del presidio ospedaliero, un luogo di tutti e non certo un luogo dove promuovere azioni di parte o, peggio ancora, per catalizzare messaggi politici”, conclude il coordinatore.

© Riproduzione riservata
Commenti