Cronaca
Commenta

Dalla conviviale Panathlon Crema,
i complimenti per il Trofeo

Prima della pausa estiva, anche il Panathlon Club Crema ha voluto complimentarsi per il successo della prima edizione del Trofeo di Triathlon organizzato in città in memoria di Piero Bernasconi, triatleta cremasco recentemente scomparso. E l’ha fatto nel corso della conviviale nella consueta cornice di Villa Toscanini di Ripalta Guerina, con l’organizzatrice del trofeo, Monica Bernasconi, figlia di Piero.

Dopo i saluti iniziali del presidente Massimiliano Aschedamini, la parola è passata a Monica Bernasconi che visibilmente commossa ha raccontato le fasi che hanno portato alla definizione del trofeo, fortemente voluto proprio per ricordare e omaggiare il papà e lo spirito sportivo che l’ha sempre contraddistinto.

Duecento gli atleti che hanno partecipato alla manifestazione, ed almeno un altro centinaio avrebbe voluto farlo, se non ci fosse stata la scelta di mantenere il numero chiuso di iscrizioni: triatleti che hanno onorato questa prima edizione, tra nuoto al centro Bellini, 20 km in bici e 5 km di corsa, transitando per il territorio dei vicini comuni di Pianengo e Campagnola.

Le immagini proiettate in sala hanno reso partecipi i presenti del successo della manifestazione ed hanno preceduto l’intervento di Walter Della Frera, consigliere delegato allo sport, il quale ha ringraziato gli organizzatori della manifestazione che ha dato lustro alla città. Fabiano Gerevini in qualità di delegato locale del Coni, oltre che Governatore Panathlon Area 2 Lombardia, si è unito ai ringraziamenti, complimentandosi a sua volta con Monica Bernasconi, per la costanza e la determinazione dimostrata nel portare a termine la non facile impresa di organizzare un evento di tale portata, promuovendo al contempo uno sport che unisce tre discipline, per uno spettacolo unico, anche per chi si trova ad assistere alle gare.

i.g.

© Riproduzione riservata
Commenti