Cronaca
Commenta

Assoindustria Cremona:
Stefano Allegri presidente

Stefano Allegri è il nuovo presidente dell’Associazione Industriali di Cremona. Succede a Francesco Buzzella, già indicato come nuovo presidente regionale dal prossimo autunno. L’elezione è stata ufficializzata nel corso dell’assemblea al teatro  Ponchielli.

Designato un mese fa dal consiglio generale, resterà in carica fino al 2025. 48 anni, laurea in ingegneria elettronica, Allegri è stato vicepresidente vicario degli Industriali cremonesi, in precedenza presidente del gruppo Giovani e del conservatorio Claudio Monteverdi. Fondatore e amministratore unico di Panificio Cremona Italia, nel suo intervento in assemblea Allegri ha ricordato come sia iniziata la sua vita da imprenditore, con la partecipazione a un concorso indetto da Politecnico e dai Giovani di Assolombarda, che premiava il miglior business plan: un primo posto che gli ha consentito di avviare una start up cresciuta fino a diventare oggi un’azienda di 50 dipendenti con tre stabilimenti produttivi.

Parlando delle nuove prospettive di sviluppo per l’economia cremonese facilitate dalla crescita del settore universitario (Cattolica del Sacro Cuore con l’intervento della fondazione Arvedi Buschini; Politecnico, con la disponibilità della stessa fondazione a riqualificare l’ex caserma Manfredini), Allegri ha delineato le linee guida del suo mandato, nel qual quale il ri-allineamento tra domanda e offerta di lavoro e la crescita di competenze degli addetti, come pure la formazione continua, avranno un ruolo fondamentale. L’attenzione sarà posta allo sviluppo digitale, alla crescita dell’economia circolare, alle esigenze di internazionalizzazione tanto delle piccole quanto delle grandi imprese associate, dando impulso nel contempo all’associazione di scopo Masterplan 3C.

Compongono il nuovo direttivo, oltre al neo presidente, Anna Agostino, Caterina Cremonesi, Chiara Ferrari, Serena Ruggeri, Maurizio Ferraroni, Francesco Buzzella, William Grandi, Alessandro Ratini, Enrico Mainardi, Valter Galbignani.

© Riproduzione riservata
Commenti