Cronaca
Commenta

Prc e Gc: "Ostacoli per svendita
Finalpia per il bene dei Cremaschi"

In attesa che nella giornata di oggi, mercoledì 9 giugno, il Cda della da della Fondazione Opera Pia Marina e Climatica Cremasca “Finalpia” si pronunci sull’offerta per acquisire l’immobile, Rifondazione Comunista e i Giovani Comunisti/e prendono posizione atraverso una nota firmata, rispettivamente, Piergiuseppe Bettenzoli e Simone Antonioli : “Ufficialmente, per il momento, tutto tace. Questa è la modalità che, di solito, l’Amministrazione Bonaldi sceglie per nascondere, ai cittadini cremaschi, le proprie sconfitte. La scelta di fare cassa svendendo l’ex Colonia Finalpia, una proprietà dei Cremaschi, incontra i suoi primi ostacoli”.

“Arrivate le ore 12 del 31 maggio – ricordano -, anche i nostri amministratori hanno dovuto rendersi conto che la scelta di svendere l’ex colonia, ora Albergo a 4 Stelle, non trova riscontro nella realtà economica che sta vivendo il nostro paese. La svendita della Colonia di Finalpia non è andata, per il momento, in porto. L’intenzione di alienare il bene dei Cremaschi non si è tradotta, per il bene dei Cremaschi stessi, in realtà. Il rischio, ora, è quello che qualcuno consigli l’Amministrazione cittadina ad abbassare il prezzo”.

PRC e GC quindi coltivano una speranza: “Noi siamo sempre più convinti della bontà e della necessità di un recupero della struttura per un suo utilizzo da parte dei Cremaschi. La Colonia di Finalpia è patrimonio pubblico e deve restare nelle mani delle istituzioni e delle associazioni cremasche. Un suo ulteriore deprezzamento deve essere fermato dai cittadini cremaschi”.

“La lettera d’invito alla Gara – specificano – specificava che le spese della procedura e i compensi, pari a Euro 43.500,00 oltre iva di legge, spettanti alla Centrale di Committenza ovvero Consorzio IT, la società alla quale è stata affidata l’effettuazione della Gara di vendita, erano a carico del soggetto migliore offerente. Zero offerenti, qualche decina di migliaia di euro che escono dalle casse della Fondazione senza ottenere alcun risultato”. “Questa – concludono – è la politica economica della Giunta Bonaldi. Distribuire con generosità e abbondanza soldi pubblici senza ottenere nulla in cambio”.

© Riproduzione riservata
Commenti