Sport
Commenta

Il Pergo ci prova con la corazzata
Alessandria, per vendicare due rigori

Più del terremoto per l’esonero di Luciano De Paola, che in panchina lascia spazio a quello che fino a martedì era il suo vice, Fiorenzo Albertini, uomo per tutte le stagioni in casa Pergolettese, i gialloblu devono temere la foga dell’Alessandria, che dopo avere buttato la conquista della serie B per tanti anni, rischia di centrare l’obiettivo proprio nella stagione in cui sembrava troppo staccata dalla vetta.

Gli ultimi 5 punti persi dal Como capolista (2-2 col Grosseto e ko 0-3 ad Olbia nel recupero di mercoledì) pongono infatti i piemontesi a un solo punto dai lariani e soprattutto li rendono artefici del proprio destino. Domenica 25 aprile infatti si giocherà Como-Alessandria e dunque, vincendo le ultime tre sfide, ecco che i grigi conquisterebbero la B.

Prima però l’Alessandria deve battere una Pergolettese che, reduce da due ko di fila, non vorrà prolungare l’astinenza né la serie negativa, anche se la missione di domenica alle ore 20.30 al “Moccagatta” (36esima giornata del girone A di serie C) si preannuncia proibitiva. L’Alessandria, oltre a segnare parecchio (46 gol, terzo migliore attacco), sta incassando molto poco, con 26 reti subite, seconda migliore difesa del girone.

Soprattutto è in stato di grazia, arrivando da 5 vittorie di fila e da 8 successi nelle ultime 9 partite disputate. Eusepi, Arrighini e Corazza si stanno dividendo i gol là davanti, anche se in generale la squadra di Moreno Longo, ex serie A a Torino, manda in rete diversi suoi giocatori, già 15 da inizio stagione.

Una gara difficile, la più tosta delle tre mancanti, anche se va detto che la Pergolettese non può stare a guardare: certo, per rischiare i playout servirebbero incastri improbabili, ma per la matematica serve comunque uno sforzo in più (o una frenata delle ultime tre), dunque meglio certificare la missione compiuta il prima possibile. Anche perché lo 0-1 dell’andata al “Voltini”, con due rigori sbagliati dai gialloblu, grida ancora vendetta…

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti