Cronaca
Commenta

Vaccini, dal 9 aprile le prenotazioni
per disabili ed estremamente fragili

partire dal 9 aprile i pazienti in condizioni di estrema vulnerabilità e le persone con disabilità grave non in carico ad una struttura ospedaliera potranno prenotare la vaccinazione anti-Covid. Lo si potrà fare, come per tutte le altre categorie, tramite sito web (QUI IL LINK), call center, Postamat o tramite il postino.

Le persone non in grado di spostarsi autonomamente, a causa di c”ertificati impedimenti allo spostamento e quindi impossibilitati a recarsi presso i centri vaccinali territoriali” possono prenotare la vaccinazione direttamente sulla piattaforma online dedicata, indicando la necessità di essere vaccinati al proprio domicilio.

I caregiver e i familiari conviventi delle persone con grave disabilità che accompagneranno all’appuntamento il soggetto da vaccinare, potranno essere vaccinati contestualmente, senza prenotazione, previa presentazione, al momento dell’accoglienza al Centro, di apposita autocertificazione (SCARICALA QUI).

I medici di medicina generale, oltre a poter confermare al proprio paziente se rientra o meno tra le categorie prioritarie, potranno proporre ad ATS l’integrazione dell’elenco dei pazienti estremamente vulnerabili, qualora il paziente, pur rientrando nella tipologia di condizione clinica in questione, non compare nell’elenco trasmesso da ATS. L’integrazione servirà ad alimentare l’elenco dei cittadini sul portale Poste Italiane e rendere così possibile la prenotazione.

“Assicuriamo a tutte queste persone la nostra massima attenzione – spiegano la vicepresidente ed assessore al Welfare, Letizia Moratti, e l’assessore a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli – sia a tutela delle loro fragilità sia rispetto a familiari ed assistenti, che con lodevole impegno e sacrificio si occupano quotidianamente di loro. Regione Lombardia si impegna a non lasciare indietro nessuno e in questa delicata fase di lotta alla pandemia abbiamo voluto avviare la campagna vaccinale dedicata a loro con scrupolo e celerità”.

Già in corso, invece, le prenotazioni per i cittadini “estremamente vulnerabili” in carico a strutture ospedaliere.

© Riproduzione riservata
Commenti