Cronaca
Commenta

Call Internazionale di IPC: Nanning cerca professionisti per l’innovazione tecnologica

Foto d'archivio: la firma del gemellaggio tra Crema e Nanning, nel 2017

L’Associazione I.P.C. Italian Promotion Center ha aperto una call internazionale per la per la ricerca di professionisti ed aziende interessati ad una collaborazione per lo sviluppo di progetti avanzati di ricerca e di trasferimento tecnologico. Un’occasione importante maturata nei rapporti ormai consolidati e molto avanzati tra la città di Crema e quella cinese di Nanning, la “metropoli verde” capitale della regione del Guangxi, nell’ambito del gemellaggio tra le due città – siglato nel settembre 2015 – che da subito si è basato sul presupposto di scambi di talenti e di opportunità economiche.

Questa prima “chiamata”, che chiuderà a fine marzo, è frutto di un accordo tra L’Ufficio degli Affari Esteri di Nanning, su incarico del Dipartimento Tecnologico del Comune di Nanning, e l’IPC Italian Promotion Center, che intende costruire una piattaforma per l’introduzione di talenti dall’estero a Nanning, al fine di accelerare il processo di innovazione tecnologica e di potenziamento industriale su un territorio particolarmente attivo.

Nella call internazionale è importante che ci sia l’Italia e ovviamente prima di tutto Crema e il suo territorio”, spiega Morena Saltini, presidente di IPC Italia. “La collaborazione che potrà nascere tra le nostre risorse e il loro potenziale di investimento potrà essere svolta in modo completamente flessibile, da consulenze temporanee mantenendo sede nel Paese d’origine fino alla presenza permanente di gruppi di ricerca e aziende sul territorio cinese”.

Il Comune di Crema ha deciso di patrocinare questa iniziativa. “La comunità cinese di Nanning è fiorente, attiva, seriamente attratta da Crema e dall’Italia”, commenta il sindaco, Stefania Bonaldi. “A questa chiamata deve rispondere chiunque voglia mettersi in gioco, aprire gli orizzonti, scoprire inedite opportunità di business e anche conoscenza: tutte qualità che riconosco nella nostra gente. A Nanning ci lega un gemellaggio, peraltro, rinforzato dall’ultimo anno difficile e doloroso nel quale i nostri amici cinesi sono stati tutt’altro che lontani, anzi vicini, concretamente”.

© Riproduzione riservata
Commenti