Ultim'ora
Commenta

Fondazione Cariplo, 520mila
euro nel Cremonese per servizi
a persona, cultura e ambiente

La fondazione Cariplo ha stanziato 16 milioni di euro a sostegno di 400 Enti del Terzo Settore, che impiegano stabilmente 25.000 lavoratori e 18.600 volontari. Nel territorio cremonese sono state accolte le richieste di finanziamento di 17 enti, per un totale di 520.000 euro. “Un lavoro straordinario per aggregare risorse in risposta alla crisi generata dalla pandemia e preservare i servizi alle comunità”, come sottolineano dalla Fondazione. Dalle 1.400 richieste pervenute tramite il Bando LETS GO! emerge “una fotografia del bisogno reale”: oltre il 60% delle richieste per servizi alla persona, di cui il 40% riguarda servizi per l’infanzia e poi disabilità e anziani. Importante sostegno al settore culturale con 4,5 milioni di euro.

Nelle intenzione del bando si tratta di “un sistema diffuso capace di generare promozione sociale e intervenire a sostegno delle persone all’interno delle comunità”. Un “patrimonio molto tangibile, ma spesso poco rappresentato, fatto di realtà e luoghi, molto significativi nella vita delle persone: si tratta dei servizi erogati dagli Enti del Terzo Settore che operano in ambito sociale, culturale e ambientale. Servizi per persone con disabilità, asili nido, servizi per anziani, luoghi della cultura, attività artistiche, promozione culturale, servizi per minori e famiglie in situazioni di fragilità e molto altro. Tutto questo sistema di intervento oggi rischia di scomparire se i soggetti che erogano i servizi non riusciranno a sopravvivere alla crisi”. Già nel primo semestre 2020 si stima che la metà delle organizzazioni operanti sul nostro territorio sia stata costretta ad interrompere i propri servizi.

Sin dall’inizio della pandemia, Fondazione Cariplo ha avuto “chiara l’urgenza di dare un sostegno immediato e reale per la sopravvivenza di questi servizi, attraverso il supporto agli Enti che li erogano e che si trovano ad affrontare un’emergenza economica non disponendo spesso di patrimoni sufficienti per reggere mesi di attività ridotta o addirittura sospesa”. Per questo è stato lanciato il Bando LETS GO!, che” rappresenta un impegno senza precedenti e un’operazione unica nel panorama nazionale” e “un impegno straordinario a sostegno dei servizi che generano valore sociale, culturale e ambientale”.

Cesare Macconi, presidente della Fondazione Comunitaria, ha dichiarato: “Il bando LETS GO! ha dimostrato per l’ennesima volta la capacità di Fondazione Cariplo di leggere le necessità dei territori di competenza. Il sostegno concreto ad enti del terzo settore e di conseguenza a persone che in essi lavorano fa sì che venga salvaguardato un tessuto sociale che altrimenti rischierebbe la disgregazione”. “Anche qui – ha detto Franco Verdi, membro della Commissione Centrale di Beneficenza di Fondazione Cariplo -, nelle nostre comunità locali, dobbiamo moltissimo all’impegno degli enti non profit che si prendono cura dei bisogni delle persone e che contribuiscono in modo fondamentale alla cura del territorio, alla conservazione, alla valorizzazione dei luoghi e dei beni culturali: pensiamo a chi si occupa dei nostri bambini, dei nostri anziani, delle famiglie in difficoltà; pensiamo ai teatri, ai musei e a quelle attività per la conservazione dei nostri paesaggi, per il contrasto al dissesto idrogeologico…dietro queste attività, spesso non ce ne rendiamo conto, ma ci sono enti non profit”.  Verdi ha poi concluso: “Ci accorgiamo del valore delle cose quando vengono a mancare, ma non possiamo permetterci di accorgerci del vuoto che potrebbero lasciare queste organizzazioni dopo che hanno chiuso o che hanno ridotto all’osso le loro attività. Dobbiamo unire gli sforzi per tenere in vita questo tessuto connettivo, questa infrastruttura sociale che, insieme alle istituzioni, al Pubblico, alle aziende e alle attività del privato, costituisce uno dei tre pilastri fondamentali interconnessi della nostra società”.

© Riproduzione riservata
Commenti