Cronaca
Commenta

A Crema un caso di polmonite bilaterale severa Galmozzi: 'Stiamo attentissimi'

Dopo i due casi di polmonite da Covid registrati il 17 settembre scorso all’ospedale di Crema, ieri i medici si sono ritrovati con un paziente affetto da una brutta polmonite bilaterale con una severa insufficienza respiratoria. Lo ha fatto sapere, tramite i social, il medico del pronto soccorso cittadino Attilio Galmozzi. Se i due casi del 17 settembre avevano un basso carico di malattia, non così per l’ultimo paziente, un uomo di 70 anni senza alcuna patologia pregressa. “Era da maggio che non ne vedevo una”, ha commentato il medico, riferendosi alla polmonite bilaterale. “Una rondine non fa primavera.. e una Tac con insufficienza respiratoria grave (cioè con malattia severa) non fa l’allarme generale”, scrive Galmozzi, che però avverte: “Stiamo attentissimi. La strada è ancora lunga e faticosa”. Il monito è sempre quello: rispettare le tre regole basilari: mascherina, distanziamento e igiene delle mani.
S.P.

© Riproduzione riservata
Commenti