Commenta

Lettera aperta di Bonaldi e
Casorati a Regione su presidio
sociosanitario cremasco

“Apriamo una stagione di investimenti per il Presidio Sociosanitario del Cremasco”
Foto d'archivio

L’Ats sta predisponendo, unitamente ad Asst, i medici di medicina generale, Rsa, centri di riabilitazione, ambiti e aziende sociali, il terzo settore e gli enti locali, il “Piano Operativo Territoriale”, pensato in caso di un riacutizzarsi del fenomeno pandemico da Covid 19. La missione che Regione Lombardia ha dato a tutte le Ats è di presentare il piano Operativo entro metà settembre al fine di predisporre una rete territoriale più pronta e meglio coordinata ad affrontare l’eventuale emergenza.

ASSISTENZA INTEGRATA

Giusto questo sforzo, ancora di carattere emergenziale per affrontare un imminente futuro difficile. Ai Sindaci, in particolare, è stato chiesto di valutare se sul proprio territorio vi siano strutture pubbliche, private, o appartamenti che possano essere messi a disposizione per persone sole o con difficoltà di coabitazione familiare, in quarantena perché positive asintomatiche o perché stretti contatti di casi positivi.
È questo un implicito riconoscimento dell’assistenza sanitaria, sociosanitaria e sociale, integrata con il territorio, prevista dalla Legge di riforma della L.R.23/2015, ma rimasta quasi interamente sulla carta.

IL PRESST

In questa fase post-emergenziale non possiamo fermarci. L’ospedale deve riaprire in sicurezza tutte le attività di degenza, operatorie e ambulatoriali. Significativa e da sottolineare, la disponibilità dell’Ordine di Tecnici Sanitari di Radiologia e delle Professioni sanitarie tecniche, per realizzare con noi un nuovo progetto di medicina territoriale che preveda un modello assistenziale nuovo con personale, strutture e risorse economiche dedicate.
In qualità di sindaci, abbiamo già iniziato questo lavoro col primo obiettivo di realizzare un PreSST nell’ex Tribunale di Crema. La dirigenza Ats ha partecipato ai nostri primi due incontri e si è messa a disposizione come organo programmatorio e propositivo verso Regione Lombardia. Il PreSST, come stabilito dalla L.R. 23, è uno strumento importantissimo che fa pero’ riferimento alla responsabilità realizzativa e gestionale della ASST.

VOGLIAMO UN INCONTRO

Chiediamo per questo un incontro ufficiale, congiunto, ai direttori generali di ATS e ASST. Non vogliamo fare cadere questa proposta. Chiediamo a direttori generali di ATS ed ASST nonché ai nostri tre consiglieri regionali, che consideriamo tutti preziosi alleati, di ricordare al presidente Fontana l’impegno, tanto più importante oggi, a valle dell’emergenza Covid, di rafforzare i presidi extraospedalieri di medicina territoriale.
Il Comune di Crema, peraltro, aveva già messo a disposizione dell’allora presidente Roberto Maroni l’immobile dell’ex Tribunale, ricevendo interesse per tale proposta. Ha formalizzato analoga offerta al Presidente Attilio Fontana e all’assessore Giulio Gallera il 6 luglio scorso, con una lettera formale, al momento rimasta inevasa.

IL TERRITORIO HA BISOGNO DI RISORSE, ATS E ASST DI SPAZI

L’Ospedale di Crema e i servizi territoriali hanno bisogno di risorse economiche, visti i disequilibri nella distribuzione delle risorse a livello provinciale più volte evidenziate (si pensi al comparto sociosanitario delle RSA o alla neuropsichiatria), ma ha bisogno anche di spazi e di strutture. In ordine agli spazi, abbiamo saputo di recente ad esempio che la proprietà dell’immobile dov’è ubicato il magazzino della farmacia ospedaliera, per sue ragioni legittime, non intende rinnovare il contratto di locazione. E ancora l’ATS, dopo che l’ASST aveva comunicato di non avere spazi per le vaccinazioni influenzali, ha chiesto al sindaco di Crema l’utilizzo dell’Ex Tribunale, ipotesi del tutto impraticabile visto che da oltre sette anni tutta l’impiantistica è ferma.
Queste circostanze evidenziano tuttavia ancora una volta l’estrema necessità di spazi per l’ospedale e per garantire interventi di medicina territoriale e di comunità a Crema!

MAPPATURA AGGIORNATA DI SERVIZI E IMMOBILI

Nell’incontro che siamo a chiedere ai direttori generali, vorremmo potere avere da parte di ATS e ASST una mappatura aggiornata di tutti i servizi, uffici e magazzini che sono attualmente ubicati in immobili in affitto, proprio al fine di potere condividere un piano generale per la realizzazione o il recupero di strutture indispensabili per il nostro territorio e per il nostro Ospedale.
Va ricordato che il bacino di utenza del cremasco è pari a quello del territorio cremonese.

FINANZIARE OPERE INDISPENSABILI

Venga pure erogato il finanziamento per la costruzione dell’ Ospedale nuovo a Cremona, non è certo il momento dei campanilismi (e le cattive condizioni in cui versa a causa della mancata manutenzione sono evidenti!), ma, cara Regione Lombardia, cari DG di ATS ed ASST, cari Consiglieri Regionali, adoperiamoci, insieme, per potere finanziare le opere indispensabili per quei presidi che per tanti anni, con grande impegno e lavoro di chi vi opera, sono stati ai vertici delle valutazioni stilate da Regione Lombardia e Crema è fra questi!

Aldo Casorati – Consiglio rappresentanza Sindaci ATS Valpadana
Stefania Bonaldi – Presidente Assemblea distretto ASST Crema

© Riproduzione riservata
Commenti

Direttore
Mario Silla
direttore@cremonaoggi.it

Redazione
via Bastida 16 – 26100 Cremona
redazione@cremaoggi.it

Telefono Centralino
0372 8056

Telefono redazione
0372 805674/805675/805666
Fax 0372 080169

Pubblicità
Tel 0372 8056
pubbli@cremonaoggi.it

Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

Created by Dueper Design