Commenta

Si cosparge di gasolio
e si dà fuoco: salvato
dai Carabinieri

E’ stato salvato in extremis dai Carabinieri, dopo essersi cosparso di gasolio e dato fuoco. Una vicenda drammatica, che avrebbe potuto finire ancora peggio per un 45enne di Soncino.

La vicenda trae origine dalla fine di una relazione sentimentale durata circa tre anni con una coetanea residente a Romanengo. Nel marzo scorso la donna aveva deciso di chiudere il loro rapporto e da quel momento l’uomo era diventato il suo incubo: persecuzioni, addirittura un’aggressione fisica subita nel giugno scorso. Senza contare numerosi dispetti, come gli pneumatici bucati. Al culmine dell’esasperazione, la donna nei giorni aveva sporto denuncia nei confronti del proprio ex e i  Carabinieri di Romanengo, a seguito delle attività d’indagine, lo avevano denunciato a piede libero per stalking, danneggiamento aggravato di autovettura e danneggiamento a seguito d’incendio. 

La sera del 12 luglio, poi, il tragico gesto: il 45enne si è recato a casa della sua ex, la quale ha immediatamente chiamato la Centrale Operativa dei Carabinieri di Crema: proprio durante la telefonata lo ha visto uscire dall’abitacolo dell’auto con una tanica contenente del liquido, versarselo addosso e darsi fuoco con un accendino. 

I Carabinieri di Romanengo e una pattuglia della Stazione di Montodine, avvisate dalla Centrale Operativa, sono accorsi sul posto immediatamente e sono riusciti a spegnere le fiamme con un lenzuolo. Hanno altresì dovuto spegnere anche ulteriori focolai che si erano propagati nella zona a seguito dello spargimento del liquido. 

Sul posto sono intervenuti un’ambulanza e un’auto medica. Il personale ha provveduto a prestare al soggetto il primo soccorso, per poi trasportarlo presso l’Ospedale Maggiore di Crema.

© Riproduzione riservata
Commenti