Commenta

In visita a Crema
l’assessore regionale
Martina Cambiaghi

“Non è il momento di dividersi”: Walter Della Frera, consigliere delegato per lo sport ha accolto così l’assessore regionale allo sport, Martina Cambiaghi presso la struttura del Velodromo cittadino, accompagnata da Andrea Agazzi, consigliere comunale di minoranza. L’esponente leghista era stata prima in comune, dove aveva incontrato la Commissione sport, per concludere poi presso il centro sportivo “Al Tennis” di via Senigaglia, ricevuta dai titolari Doriano Denti e Fabiano Gerevini.
L’importanza della Regione. Il consigliere comunale della Lega, Andrea Agazzi, nel suo intervento di saluto ha specificato quanto importante sia l’ente regione, in particolare nella fase che tutti stiamo vivendo post Covid. “È importante vedere quanto è vicina a noi ed al nostro territorio la regione e questo di oggi, che segue quello di ieri con l’assessore Stefano Bruno Galli è parte di un processo di avvicinamento”.
Fare squadra. Da parte sua, il consigliere Della Frera, ringraziando il collega di minoranza Agazzi ha specificato che “il comune ha capito la necessità di fare squadra per la città”, ricordando che anche in commissione bilancio, maggioranza e minoranza stanno procedendo nella direzione di una proficua serie di iniziative, con un approccio di sistema, non solo con la regione, ma anche con i comuni vicini e con l’auspicio relativamente allo sport, di una graduale ripresa di tutte le attività.
Azioni concrete per lo sport. L’assessore Cambiaghi dopo i complimenti alla struttura di via Senigaglia ha sottolineato la collaborazione tra le forze di maggioranza e minoranza presenti in comune a Crema, “che raramente si vede nelle amministrazioni comunali”. Nonostante le incertezze sul futuro, l’assessore regionale ha descritto le due azioni pensate da regione Lombardia, a sostegno dello sport in questa fase delicata. La prima, è un bando a sostegno dell’impiantistica sportiva, che prevede contributi a fondo perduto per i comuni fino a 150 mila euro, su una dotazione complessiva di oltre 7 milioni, distribuiti tra le varie province lombarde. La seconda misura prevede contributi di 10 mila euro alle associazioni sportive, per coprire spese relative a iscrizioni, noleggio bus, spese straordinarie per garantire la ripresa in sicurezza. Per il bando sull’impiantistica sportiva, le domande possono essere presentate dal 28 luglio a metà ottobre, per quello relativo alle associazioni sportive, c’è tempo dal 15 luglio al 15 settembre.
Il velodrono, “punto di riferimento”. Particolare attenzione è stata posta dall’assessore regionale Cambiaghi al Velodromo Baffi. Nella sua visita alla struttura, il consigliere Della Frera ha fatto un breve excursus sul lungo iter che ha portato il velodromo ad essere acquisito nella proprietà del comune e sui possibili scenari, relativi ai lavori di riqualificazione. Anche per l’esponente leghista, il velodromo di Crema può diventare “punto di riferimento per il ciclismo su pista di un’area importante come quella della Bassa”, considerando le poche strutture sportive di questa natura su tutto il territorio regionale. Quanto alle richieste che stanno pervenendo in sede regionale, per l’assessore Cambiaghi, oltre al sostegno economico, le società ed il tessuto sportivo regionale stanno chiedendo maggiore chiarezza nell’interpretazione delle linee guida, che impongono misure i cui costi ricadono direttamente sui gestori delle strutture. A partire dall’utilizzo degli spogliatoi, come ha evidenziato anche Gerevini, facendo il confronto tra ciò che accade per le piscine e quanto previsto fino ad ora per gli altri sport.
Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti